Pablo Trincia racconta Mumbai in una docu-serie: “Ho visto la città sull’orlo del baratro”

Ambiente

Prodotta per Sky TG24 da Chora Media, s’intitola “Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro”. È un viaggio nella megalopoli indiana, minacciata dal cambiamento climatico e dalla pressione edilizia e demografica: qui le possibili tragiche conseguenze dell’impronta dell’uomo sulla Terra sono ormai evidenti. In onda in tre episodi il 5, 6 e 7 dicembre, è disponibile anche on demand. Il direttore Giuseppe De Bellis: “Immagini di grande potenza visiva che invitano a una profonda riflessione”

“Sono stato 20 giorni in uno dei posti più incredibili del pianeta”. Così Pablo Trincia descrive Mumbai, la città indiana a cui ha dedicato una docu-serie prodotta per Sky TG24 da Chora Media. S’intitola “Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro” e racconta di come quella megalopoli sia il paradigma di uno sviluppo forse non più sostenibile, minacciata dal cambiamento climatico e dalla pressione edilizia e demografica. “Ho visto la città sull’orlo del baratro”, spiega il giornalista. Il reportage è andato in onda in tre episodi il 5, il 6 e il 7 dicembre, disponibili dal 7 dicembre in un unico documentario, anche on demand (LA PRIMA PUNTATACLIMATE CRISIS, LO SPECIALE DI SKY).

“Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro”

Il racconto di Mumbai

vedi anche

Tuvalu, isole rischiano di sparire ma verranno ricreate nel metaverso

Mumbai è una delle più grandi città dell’India e la prima al mondo per densità di popolazione. Un posto in cui le possibili tragiche conseguenze dell’impronta dell’uomo sulla Terra sono ormai evidenti: dal cambiamento climatico all’esplosione demografica, fino all’inquinamento atmosferico ed idrogeologico. Di questo parla “Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro”. È un viaggio nella megalopoli indiana da 22 milioni di abitanti. Secondo gli scienziati, se continuerà l’aumento delle piogge torrenziali causate da violenti monsoni, alimentati dall’Oceano Indiano sempre più caldo e dall’esponenziale pressione edilizia e demografica, la città potrebbe essere sommersa dal mare nella sua parte Sud già nel 2050. Il cambiamento climatico, avvertono gli esperti, potrebbe minacciare Mumbai ancora più seriamente tramite l’innalzamento del livello del mare. E ampie aree della città potrebbero essere sommerse, se le emissioni di carbonio non verranno ridotte quanto prima.

“Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro”

leggi anche

Clima, frana a Ischia. Sima: “130 eventi estremi solo nel 2022”

La docu-serie “Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro” è prodotta per Sky TG24 da Chora Media, società leader nel settore podcast, sempre più fucina di contenuti declinati in diverse piattaforme. Il reportage è scritto da Pablo Trincia e Riccardo Spagnoli, che ha curato anche la regia. Legato al reportage di Trincia è nato anche il podcast originale Spotify “Megalopolis - Mumbai 2050”, prodotto da Chora Media in collaborazione con Spotify Studios e realizzato in dieci episodi insieme ad Alessia Rafanelli.

“Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro”

Pablo Trincia: “Ho visto la città sull’orlo del baratro”

vedi anche

Cop26, ecco il patto di Glasgow: com'è finita la conferenza sul clima

“Sono stato 20 giorni in uno dei posti più incredibili del pianeta – racconta Pablo Trincia –, dove veramente c’è un’umanità che ti scoppia addosso, dove vedi persone che vivono in scatole di latta minuscole guardando un’apocalisse perché il mare è a pochi passi da loro e spesso invade le strade, le case. Ho visto la città sull’orlo del baratro perché di fatto davvero non è protetta da nulla, viene quindi da chiedersi cosa succederà? È uno di quei posti, di quei rari posti, dove veramente potresti stare all’infinito e non stancarti mai di stupirti, è veramente un posto incredibile sotto tutti punti di vista”. Riguardo alla sua inchiesta giornalista, aggiunge: “È un grande progetto nel quale Chora ha messo insieme Sky TG24 e Spotify, per la prima volta, per realizzare un podcast e un documentario. È veramente una grande operazione che contiamo di replicare anche in futuro, è la prima volta che succede una cosa del genere e credo sia l’inizio di un grande progetto comune che dimostra quanto sia possibile realizzare più prodotti sulla stessa storia contemporaneamente”.

Giuseppe De Bellis: “Le immagini invitano a una profonda riflessione”

vedi anche

Clima, dati allarmanti: ultimi 8 anni sono i più caldi mai registrati

Della docu-serie ha parlato anche Giuseppe De Bellis, direttore di Sky TG24. “Le immagini di questo documentario sono di grande potenza visiva e invitano a una profonda riflessione perché il presente di una megalopoli come Mumbai, che al momento ci appare lontana e fuori dai nostri radar, potrebbe diventare il nostro prossimo futuro”, dice. E ancora: “I temi della sostenibilità, della transizione energetica ed ecologica e di uno sviluppo sociale che guardi all’ambiente sono diventati argomenti quotidiani dell’agenda di Sky TG24 e del gruppo Sky. Quello che abbiamo fatto con Chora Media e Pablo Trincia è andare a toccare con mano la concretezza della crisi climatica perché dietro le parole, gli impegni dei governi e i proclami di facciata ci sono le persone che in alcune parti del mondo pagano con la propria vita il prezzo della guerra che stiamo combattendo per il futuro del nostro pianeta”.

“Essere umani – Lo spettro di Mumbai sul nostro futuro”

La prima puntata

La seconda puntata

La terza puntata

Ambiente: I più letti