Final Fantasy XII Zodiac Age. La recensione in anteprima

Credits: Final Fantasy
3' di lettura

Ancora una vola nel favoloso e pericoloso mondo di Ivalice: dieci anni dopo arriva la riedizione in HD per Playstation 4 della dodicesima, rivoluzionaria fantasia finale, un’epica avventura tra diabolici intrighi politici, guerre e magia. VIDEO E FOTO

Il mondo di Ivalice è ancora più bello di quello che ricordavamo se vissuto nella riedizione di Final Fantasy XII in alta definizione per la Playstation 4, in uscita l’11 di luglio. 

Un mondo favoloso e vastissimo, composto da deserti soffocanti, giungle e foreste rigogliose, alti monti e paludi, grandi città esotiche e villaggi ameni. Ma Ivalice è devastato dalla guerra e dagli intrighi di un Impero malvagio e il giocatore dovrà condurre una piccola compagnia di personaggi in una lunga, complessa epopea salvifica. 

Dopo un serie di episodi straordinari, dal quarto al decimo, nel 2006 Final Fantasy XII è stato accolto con scetticismo da buona parte del pubblico dei fan storici, che non videro di buon occhio il nuovo sistema di combattimento, più dinamico e d’azione rispetto a quello storico basato sui turni. Tuttavia le battaglie in Final Fantasy XII risultavano già allora veloci e gratificanti, moderne nella loro struttura, persino rivoluzionarie senza che la strategia venisse penalizzata a causa di un profondo sistema di personalizzazione delle azioni dei compagni di squadra. E lo sono ancora in questa riedizione, che inoltre contempla l’opzione di velocizzare gli scontri ulteriormente per snellire il tempo richiesto da centinaia di scontri. 

Il Trailer di Final Fantasy XII Zodiac Age

 

Zodiac Age

Non è solo la veste grafica rinnovata la novità più importante di questa riedizione di Final Fantasy XII. Infatti è cambiato completamente il sistema di salita di livello dei personaggi. Contrariamente al gioco originale, ora ciascuno degli eroi segue un percorso unico e può diventare quindi un Mago Bianco, un samurai, un cavaliere, un esperto in magia nera o altro. Questa possibilità rende unici i protagonisti, li differenzia e amplifica il loro carattere secondo la volontà di chi li controlla. Inoltre questa volta, oltre al doppiaggio inglese, sarà possibile selezionare l’audio giapponese. Il gioco è tutto sottotitolato in italiano. 

Un grande classico

Ancora oggi, in un’epoca sempre più avara di giochi di ruolo giapponesi, Final Fantasy XII è una fantastica e coinvolgente avventura videoludica, malgrado talvolta la sua trama risulti troppo intricata, ma mai noiosa, una miscela tra temi e toni shakespeariani e uno Star Wars senza lo spazio e i viaggi stellari. Visivamente molto accattivante grazie ad un notevole lavoro di restauro e agli spettacolari filmati in computer graphic, la dodicesima fantasia finale richiede decine di ore per essere completata. Final Fantasy XII ci trasporta in luoghi magici e spaventosi, presenta personaggi unici e carismatici come il tormentato Basch, la meravigliosa donna-coniglio Fran, la misteriosa Ashe e il cavalleresco avio-pirata Balthier. Imperdibile per chi non l’ha già provato nel 2006, ma ancora più che godibile, e da riscoprire in questa nuova veste, per chi già l’ha giocato. L’epopea virtuale ideale per una lunga, calda estate. 

 

Leggi tutto
Prossimo articolo