Emma Bonino a Sky TG24: "Campagna elettorale di bufale"

3' di lettura

La leader di +Europa parla delle prossime elezioni e dice: "Ciò a cui stiamo assistendo è sempre esistito ma questa volta si sta esagerando con promesse insostenibili". La radicale ha poi invitato i giovani al voto per non dare spazio ai "bufalari". SPECIALE ELEZIONI

"Io credo che quello a cui stiamo assistendo è in parte esistito in tutte le campagne elettorali ma in questa si esagera". Parla così a Sky TG24 la leader di +Europa Emma Bonino. "È una campagna di bufale e promesse insostenibili dovute anche alla condizione della finanza pubblica" afferma, per poi bocciare la legge elettorale definendola un "obbrobrio" (SPECIALE ELEZIONI).

"Tutti si svegliano la mattina con proposte insostenibili"

Interpellata sulla campagna elettorale in vista delle elezioni del prossimo 4 marzo, Bonino sostiene che "tutti si svegliano la mattina con proposte insostenibili come 'aboliamo le tasse', la 'flat tax'". "Il dato distintivo del nostro partito - prosegue la leader di +Europa - è che il primo impegno che prendiamo è non raccontare promesse e bufale agli italiani, la 'famiglia' Italia è super indebitata. Questa campagna di bufale è una mancanza di rispetto per l'intelligenza degli italiani".

"I giovani vadano a votare. Sovranisti rischio per il Paese"

Per contrastare quelli che Bonino definisce "bufalari di turno", la stessa radicale lancia un appello: "Voglio dire ai giovani che ci sono Paesi in cui si lotta ancora per ottenere il diritto di voto quindi ai nostri giovani voglio dire di assumersi la responsabilità di votare altrimenti si lascia spazio ai 'bufalari di turno'". In seguito, Emma Bonino parla anche della legge elettorale definita come "obbrobrio" e "discriminatoria": "La porteremo all’attenzione della giurisprudenza italiana e internazionale. C'è il rischio che il 4 marzo non sapremo chi governerà il Paese. Il più grosso rischio di questo Paese è il rischio sovranista con chi dice che vuole uscire dall'Euro".

"Dimissioni Tajani dal Parlamento europeo perdita di credibilità"

Durante l’intervista Emma Bonino parla anche della possibilità che Antonio Tajani diventi il candidato premier del centrodestra: "Tajani è il presidente del Parlamento europeo e se si dimettesse per rientrare in Italia sarebbe una perdita di credibilità che pagherebbe tutto il Paese". Mentre sui possibili seggi del suo partito afferma che le trattative con il Pd saranno serrate fino alla fine: "Come so per esperienza è che le liste si chiudono all'ultimo. Il negoziato andrà avanti fino all'ultimo minuto".

Su Regeni: "Pretendere la verità"

Infine, Emma Bonino parla anche della vicenda Regeni a due anni dalla sua scomparsa: "Bisogna continuare senza cedere a chiedere e pretendere la verità sapendo che il percorso sarà lungo", conclude. 

Leggi tutto
Prossimo articolo