Incendio grattacielo Londra, la polizia: 79 tra morti e dispersi

3' di lettura

Le autorità hanno aggiornato il bilancio del rogo alla Grenfell Tower ma precisano: "Il numero delle vittime potrebbe aumentare ancora". Infuria lo scontro politico: critiche alla May. Alle 11 osservato un minuto di silenzio in tutto il Regno Unito

La polizia di Londra ha reso noto che il bilancio dell’incendio alla Grenfell Tower è salito a 79 tra morti e dispersi che si presume siano deceduti. Ma le autorità hanno precisato anche che “il numero delle vittime potrebbe aumentare ancora". Nella mattinata di lunedì, alle 11 ora locale (le 12 in Italia), è stato osservato un minuto di silenzio in tutto il Regno Unito, anche tra volontari e vigili del fuoco che ancora sono al lavoro nel palazzo andato a fuoco a North Kensington.

Governo: subito a residenti 5.500 sterline 

Il governo britannico ha intanto stabilito di versare subito 5.500 sterline, circa 6mila euro, alle famiglie che hanno perso tutto nell'incendio della Grenfell Tower. I fondi saranno disponibili già da oggi. Alcuni giorni fa la premier Theresa May, oggetto di pesanti critiche con l'accusa di aver minimizzato il dramma, si era impegnata a stanziare fondi di emergenza per 5 milioni di sterline per i sopravvissuti e i familiari delle vittime del rogo. 

Tra le vittime anche due italiani

Già ieri le autorità avevano dichiarato che “tutti i dispersi erano da ritenere morti”. Ci vorranno settimane o mesi, ha aggiunto la polizia, per identificare tutti i corpi. Tra chi non ce l’ha fatta a salvarsi dalle fiamme ci sono i due giovani fidanzati veneti, Gloria Trevisan e Marco Gottardi. Da venerdì pomeriggio i loro nomi non erano più nella lista dei dispersi ma in quella delle vittime. La Farnesina ha avvisato le due famiglie, a Camposampiero (Padova) e San Stino di Livenza (Venezia). Marco e Gloria, 27 e 28 anni, architetti, abitavano al 23esimo e penultimo piano della torre. Quando hanno capito di essere in trappola hanno telefonato ai genitori e li hanno salutati per l’ultima volta

Lo scontro politico

La gestione della tragedia da parte del governo è stata ritenuta fallimentare dall’opinione pubblica. Sulla catastrofe, accusa il sindaco di Londra Sadiq Khan, incombono come un macigno "le negligenze" dell’esecutivo. E mentre infuria la polemica politica sono state diffuse le prime immagini degli appartamenti distrutti dalle fiamme

Leggi tutto