Manchester verso la cittadinanza onoraria ad Ariana Grande

Ariana Grande durante il concerto One love Manchester (Getty Images)
2' di lettura

Al vaglio del Consiglio comunale della città inglese la possibilità di riconoscere ufficialmente la cantante come "cittadina onoraria" per il concerto di solidarietà organizzato dopo l'attentato del 22 maggio

Il Consiglio comunale di Manchester sta pensando di dare la cittadinanza onoraria ad Ariana Grande. Il riconoscimento verrebbe offerto alla pop star statunitense per essere stata la prima promotrice del concerto-evento dello scorso 4 giugno "One love Manchester", manifestazione che ha raccolto oltre due milioni di sterline a favore dei familiari delle 22 vittime dell’attacco terroristico del 22 maggio alla Manchester Arena, proprio alla conclusione di uno spettacolo della stessa Ariana Grande.

"Amore e coraggio contro odio e paura"

Per farlo occorrerà rivedere in parte le regole di assegnazione dell'onorificenza, ma il capo del Consiglio comunale di Manchester, Sir Richard Leese, crede sia giunto il momento di farlo, come ha dichiarato in un'intervista: “Questo sembra un momento appropriato per aggiornare il modo in cui riconosciamo coloro che hanno dato e danno un contributo degno di nota alla vita e al successo della nostra città. Abbiamo tutti la necessità di essere incredibilmente orgogliosi di Manchester e del modo resiliente e compassionevole con cui la città ha risposto ai terribili eventi del 22 maggio, con amore e coraggio piuttosto che odio e paura. In molti considerando già Ariana Grande una mancuniana onoraria”. La proposta verrà valutata e approvata dal Consiglio comunale il 12 luglio.

L'evento voluto dalla cantante

Il concerto ha visto schierati artisti del calibro di Take That, Robbie WilliamsPharrell WilliamsMiley Cyrus, Niall Horan, Black Eyed Peas, Imogen Heap, Katy Perry, Justin BieberColdplay e Liam Gallagher. A volere fortemente la manifestazione che ha raccolto in città più di 50mila spettatori, è stata Ariana Grande. Proprio al termine di un suo concerto a Manchester, lo scorso 22 maggio, un attentato suicida aveva causato 22 morti e 120 feriti. "Vi amo, e vi ringrazio per essere venuti insieme ed essere così forti ed uniti. Vi adoro ragazzi, e credo che l’unione di cui state dando prova sia la medicina di cui il mondo ha bisogno in questo momento", ha gridato sul palco la star statunitense. La cantante si è poi esibita sulle note di alcuni grandi classici, commuovendosi durante il live di "Somewhere over the rainbow".

Leggi tutto