Spari su Champs-Elysées, compagno agente ucciso: "Soffro senza odio"

2' di lettura

Durante la cerimonia per Xavier Jugelé, l’agente morto nell'attacco di Parigi, il fidanzato lo ha ricordato dicendo: “Restiamo degni, vegliamo sulla pace”. Presenti alla veglia Macron e Le Pen, gli sfidanti presidenziali del ballottaggio del 7 maggio

"Soffro ma senza odio. Perché questo odio non ti somiglia”. Con queste parole Etienne Cardile ha ricordato il compagno di Xavier Jugelé, il poliziotto ucciso giovedì scorso nella sparatoria sugli Champs-Elysées. La frase di Cardile, nel suo discorso durante la cerimonia in onore del fidanzato, è la stessa usata da Antoine Leiris, che perse la moglie al Bataclan durante gli attentati del 13 novembre 2015.

Le parole del compagno

Nel suo intervento durante la veglia istituzionale in memoria dell’agente ucciso, il compagno ha detto: “Questo dolore mi ha avvicinato ai tuoi colleghi che soffrono come te silenziosamente, come me silenziosamente. Per quanto mi riguarda soffro senza odio. A te vorrei dire che resterai sempre nel mio cuore. Ti amo, restiamo degni, vegliamo sulla pace e difendiamola”. Cardile ha concluso dicendo: "Ti piaceva questo tipo di missione, perché gli Champs-Elysées sono l'immagine della Francia, la cultura. In quell'istante, in quel posto il peggio è arrivato”. (LE FOTO DELLA SPARATORIA)

Le Pen e Macron alla cerimonia

Marine Le Pen ed Emmanuel Macron, candidati del Front National e del movimento 'En Marche!' che si sfideranno il 7 maggio al ballottaggio delle elezioni per la corsa all’Eliseo, erano presenti alla cerimonia in onore di Jugelé che si è tenuta alla Prefettura di Parigi. (LO SPECIALE ELEZIONI) Ha partecipato anche l'ex presidente Nicolas Sarkozy. Francois Hollande, in uno dei suoi ultimi discorsi presidenziali ha detto: "Jugelé era un eroe del quotidiano. Aggredire un poliziotto o un gendarme significa colpire l'autorità dello Stato". 

Leggi tutto