Torino, bimba morì cadendo da balcone: patrigno a giudizio per omicidio volontario

Piemonte
©Ansa

La piccola è precipitata lo scorso gennaio dal balcone di una palazzina. Il processo si aprirà in Corte d’assiste il 25 gennaio. L’uomo è accusato di omicidio volontario aggravato

ascolta articolo

È stato rinviato a giudizio con l'accusa di omicidio volontario aggravato M.A., il 32enne di origine marocchina chiamato in causa per la morte di una bimba di tre anni precipitata, lo scorso gennaio, dal balcone di una palazzina a Torino. Il processo si aprirà in Corte d'assise il 25 gennaio.

La vicenda

approfondimento

Bimba precipita e muore, patrigno ora accusato di omicidio volontario

La bambina, di nome Fatima, era la figlioletta (nata da una relazione precedente) della giovane donna con cui il 32enne aveva un rapporto sentimentale. Secondo la procura, l'uomo la gettò volontariamente dal balcone perché aveva litigato con la ragazza: sono state contestate anche le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi. L’uomo ha sempre detto che si è trattato di un incidente: la piccola le cadde dalle braccia mentre stavano giocando.

Difesa: “Pronto ad assumersi le proprie responsabilità”

“È pronto - spiega il suo difensore, l'avvocato Alessandro Sena - ad assumersi le proprie responsabilità ma confida che il processo giunga a una conclusione il più aderente possibile rispetto a quanto accadde quel giorno: non fu un gesto deliberato. Ci batteremo perché venga riconosciuta la fattispecie colposa, e non la volontarietà".

Torino: I più letti