Spotify potrebbe lanciare lo streaming dei video musicali

Tecnologia

Dopo i podcast, i video. Secondo un’indiscrezione la celebre piattaforma di streaming musicale starebbe pensando a questa novità per rinnovarsi ulteriormente

Il colosso della musica in streaming pronto ad azzannare il mercato dei video musicali per sbaragliare la concorrenza. Sono queste le ultime anticipazioni sui piani per il futuro di Spotify, piattaforma in costante espansione che adesso sembra aver messo nel mirino alcuni tra i suoi principali competitor tra cui anche YouTube Music, per conquistare una sempre più ampia fetta di mercato. 

Spotify si sta preparando al lancio dei video musicali?

approfondimento

Spotify, musica illimitata: verrà rimosso il limite dei 10mila brani

I rumors sono iniziati dopo un tweet di Jane Wong, sempre attenta nello spifferare cosa bolle nella pentola delle aziende tech. Sembra che Spotify sia al lavoro per rinnovare l’interfaccia di riproduzione delle canzoni, abilitando più opzioni rispetto alla semplice copertina dell’album, che includerebbe “canvas” – brevi clip con animazioni artistiche – e “video”. Nell’immagine postata da Wong il tab video non è ancora attivo, ma si può leggere che Spotify “sta ancora valutando cosa potrebbe accadere” in questa sezione. Se non è una dichiarazione d’intenti, è qualcosa di molto simile che comunque lascia intendere in quale direzione vuole crescere il colosso on deamand. Per Spotify i video non sono una novità, come spiega un articolo del NY Times. Erano stati introdotti già nel recente passato, ma senza puntarci troppo visto che ad oggi le modalità per riprodurli sulla piattaforma non erano particolarmente intuitive. Le anticipazioni degli ultimi giorni potrebbero far pensare a un progetto più strutturato con l’obiettivo di contendere ad altri colossi il monopolio dei video musicali.

Video e podcast: investimenti continui

Del resto, la società svedese aveva preannunciato che, nonostante le perdite, anche il 2020 sarebbe stato un anno di investimenti. L’obiettivo dichiarato è toccare quota 300 milioni utenti, di cui almeno la metà premium. A fine 2019 erano 271 milioni (+31%). Non resta che attendere e verificare se le risorse saranno davvero impiegate per incrementare l’offerta di videoclip musicali. Negli ultimi tempi gli investimenti sono stati finalizzati soprattutto al settore del podcast (disponibili circa 700 mila titoli) con l’acquisto di The Ringer - azienda proprietaria una trentina di prodotti – e l’accordo per trasmettere in esclusiva “The Joe Rogan Experience”, uno dei più seguiti al mondo, così come spiega il Wall Street Journal. Si parla di una cifra intorno ai 100 milioni di dollari per l’acquisizione. 

Tecnologia: I più letti