Apple, ottenuto ordine restrittivo a tempo contro stalker di Tim Cook

Tecnologia

Secondo siti come "The Verge" e "Cnet", che hanno riportato eventi riferiti da atti processuali, Rakesh "Rocky" Sharma non potrà avvicinarsi ai dirigenti Apple fino al 3 marzo, dopo alcuni atti ritenuti persecutori

Apple ha ottenuto un ordine restrittivo temporaneo contro un uomo che presumibilmente perseguitava e molestava il ceo Tim Cook e altri dirigenti dell'azienda. L'ordine restrittivo scadrà il 3 marzo. A riportarlo, tra i vari siti di news, è anche “The Verge”, che racconta come secondo i documenti del tribunale scoperti da Dave Gershgorn di OneZero, Rakesh "Rocky" Sharma (questo il nome dello stalker) ha iniziato a infastidire i dirigenti Apple e a lasciare messaggi vocali "inquietanti".

Un comportamento reiterato

Questo comportamento si è intensificato lo scorso dicembre quando l’uomo ha violato la proprietà di Cook a Palo Alto, tentando di consegnargli a mano dei fiori e una bottiglia di champagne. Secondo quanto riferito, Sharma era entrato da "un cancello chiuso e senza alcun permesso". Poi ha reiterato la sua azione una seconda volta, a gennaio di quest’anno, tentando di suonare il campanello della proprietà del ceo del colosso di Cupertino. Il dipartimento di polizia di Palo Alto, da quello che riporta sempre “The Verge” non ha arrestato subito lo stalker poiché aveva lasciato la proprietà poco prima dell’arrivo delle forze dell’ordine.

Le presunte minacce di violenza

Inoltre, secondo quanto riporterebbero le carte processuali, Sharma ha minacciato alcuni dirigenti Apple, utilizzando parole come: "Non uso armi, ma conosco persone che lo fanno". Secondo NBC News, a Sharma è stato ordinato di stare lontano dalla sede dell'azienda, da Cook, dalla sua proprietà e da altri dirigenti Apple. L'ordine restrittivo è in vigore fino al giorno in cui è prevista un'ulteriore audizione sul caso.

Un disagio per la sicurezza personale

"Cnet", altro portale di informazione specializzato sulle questioni legate alle nuove tecnologie, entra ancora più nel dettaglio citando un documento giudiziario, in cui lo specialista della sicurezza di Apple, William Burns ha affermato che le molestie di Sharma sono iniziate il 25 settembre 2019. "Inoltre, il signor Sharma ha continuato a taggare Cook sul suo account Twitter, postando anche foto inappropriate", è stato aggiunto. “La condotta continua e sempre più minacciosa del signor Sharma sta causando a me e agli altri dipendenti Apple un notevole disagio emotivo e mi dà grande preoccupazione per la nostra sicurezza personale", ha spiegato Burns.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24