Android, Gboard crea nuove emoji grazie a Google Emoji Kitchen

Tecnologia

La nuova funzione, annunciata dal colosso di Mountain View in un comunicato dedicato, fonde tra loro faccine colorate già esistenti, generando sticker esclusivi e super personalizzati 

Dopo le nuove 117 emoji, recentemente approvate dal Consorzio Unicode, che approderanno su WhatsApp, sia sui dispositivi iOS che Android, nel corso nel 2020, è in arrivo una grande novità che sarà sicuramente apprezzata dagli utenti che non sanno rinunciare alle faccine colorate, spesso utilizzate per arricchire e personalizzare i messaggi di testo.
Su Gboard, la tastiera virtuale sviluppata da Google, è in distribuzione una nuova funzione che offre agli utenti la possibilità di personalizzare le emoji.
Si chiama "Emoji Kitchen" e dopo aver superato con successo la fase di test, è ufficialmente pronta per debuttare sugli smartphone con sistema operativo Android.
Ad annunciare il suo rilascio è direttamente il colosso di Mountain View, in un comunicato dedicato pubblicato sul blog ufficiale.

Di cosa si tratta

"Emoji Kitchen" non crea nulla di nuovo, bensì fonde tra loro faccine colorate già esistenti, generando sticker esclusivi e super personalizzati. “Gboard su Android ora prende le tue emoji preferite e le mescola in adesivi personalizzati, aiutandoti ad esprimere quei pensieri e sentimenti sfumati”, spiega Google nel comunicato dedicato. “Con Emoji Kitchen, la tastiera del tuo telefono diventa una tela ancora più ricca di espressioni”.

Come si crea uno sticker personalizzato

Per creare uno sticker personalizzato con “Emoji Kitchen" basta tener premuto a lungo su una faccina. Gboard si occuperà di tutto il resto, proponendo agli utenti una serie di adesivi predefiniti che combinano tra loro le emoji più accattivanti e divertenti. Per ora non è possibile scegliere personalmente che faccine fondere tra loro, ma bisogna accontentarsi della selezione proposta dal colosso di Mountain View. “Emoji Kitchen è disponibile per tutti gli utenti di Gboard su Android, a partire da oggi. Se vuoi iniziare a “cucinare” ora, unisciti al programma Gboard Beta e provalo sulle tue app di comunicazione preferite, tra cui Gmail, Messaggi di Google, Messenger, Snapchat, Telegram, WhatsApp e altro ancora”, spiega il colosso di Mountain View. 

Tecnologia: I più letti