Google Maps, gli utenti potranno segnalare incidenti e rallentamenti

Tecnologia

Secondo alcune indiscrezioni, la nuova funzione prevede l’inserimento di tre nuove opzioni nella finestra delle segnalazioni, tramite le quali gli utenti potranno comunicare eventuali disagi nella circolazione 

Google Maps si aggiorna. Secondo alcune indiscrezioni, gli sviluppatori di Mountain View starebbero testando in alcuni paesi una nuova funzione all’interno dell’app di mappe che permetterebbe agli utenti di segnalare in maniera rapida la presenza di rallentamenti o di incidenti sulla strada che stanno percorrendo, allo stesso modo di quanto già è possibile fare con Waze.

Segnalazioni e percorsi alternativi

Stando a quanto è finora trapelato in rete, la finestra delle segnalazioni di Maps si potrebbe arricchire di tre nuove opzioni: Crash, Speed Trap e Slowdown. Tramite queste, gli utenti potranno comunicare la presenza di incidenti, rallentamenti e autovelox al sistema che, rielaborando i dati, sarà in grado di suggerire un percorso alternativo, più rapido e senza ostacoli. Al momento non ci sono ancora informazioni sulla data di un possibile rilascio dell’aggiornamento, né tantomeno se questo sarà prima o poi disponibile anche in Italia. L’unica cosa certa è la volontà di Google di offrire agli utenti un servizio mappe sempre più ricco, dotato di tutte quelle funzioni che hanno fatto la fortuna di Waze.

Creare un evento su Google Maps

Nonostante il suo scopo principale sia quello di fornire indicazioni geografiche per guidare i suoi utenti, Google sta gradualmente trasformando Maps in un vero e proprio social network, aggiungendo nuovi strumenti che lo rendono sempre più simile a una piattaforma di condivisione di contenuti al pari di Facebook o Instagram. Tra le ultime novità in tal senso, il colosso della ricerca online sembra in procinto di lanciare una nuova funzione, che permetterà ai suoi fruitori di creare un evento pubblico all’interno dell’app, corredandolo di numerose informazioni, quali un nome, l’indirizzo del luogo, data e ora, fotografie, tag e molto altro. Google non ha ancora ufficializzato l’introduzione della nuova funzione, ma ha comunque aperto una pagina di supporto tecnico a essa dedicata.

Tecnologia: I più letti