Com'è nata Microsoft e come ha cambiato la storia della tecnologia

5' di lettura

Dalla fondazione ad Albuquerque nel 1975 al lancio del rivoluzionario sistema operativo Windows, dalle vendite record ai progetti degli ultimi anni. Così il colosso fondato da Paul Allen, scomparso a 65 anni, e Bill Gates ha cambiato il mondo tech

"Il personal computer non sarebbe esistito senza di lui". Parola di Bill Gates su Paul Allen, il cofondatore di Microsoft morto all'età di 65 anni per complicazioni legati a un linfoma non Hodgkin. Allo stesso modo, il mondo della tecnologia come lo conosciamo non sarebbe esistito senza il colosso creato dai due visionari imprenditori.

La nascita di Microsoft

La Microsoft Corporation nasce nel 1975 ad Albuquerque, New Mexico. Sono gli anni ruggenti della tecnologia. Solo pochi mesi dopo infatti viene alla luce anche la Apple di Steve Jobs e Steve Wozniak. Sia Gates sia Allen puntano tutte le loro carte sul progetto: il primo abbandona gli studi presso la Harvard University e il secondo lascia il suo lavoro alla MITS (Micro Instrumentation and Telemetry Systems), la società che aveva sviluppato uno dei primi microcomputer, l'Altair 8800.

Il linguaggio di programmazione

Allen e Gates mettono a punto l'innovativo linguaggio di programmazione Basic, che estende a dismisura le funzionalità dei computer così come erano conosciute fino ad allora, garantendo la possibilità di rispondere a esigenze gestionali personalizzate. Microsoft inizia a vendere il suo prodotto alle maggiori compagnie americane e nel 1980 apre il suo primo ufficio internazionale in Giappone. Nel 1982 arriva anche la prima sede europea, in Belgio.

La rivoluzione Windows

La data da segnare con un cerchio rosso è quella del 1983, quando Gates e Allen mettono a punto il sistema operativo Microsoft Windows. Per la prima volta gli utenti possono dialogare con il pc non solo digitando lettere e numeri ma cliccando sugli elementi presenti sullo schermo, gestendo anche più programmi non correlati tra loro simultaneamente. E possono farlo in modo economico: i prezzi bassi sono, sin dal primo momento, uno dei punti di forza scelti da Microsoft, che nello stesso anno introduce l'utilizzo del mouse.

Il "sistema operativo del futuro"

Il prodotto viene in realtà lanciato nel 1985, due anni dopo che Allen ha lasciato Microsoft per motivi di salute e per il deterioramento della sua amicizia con Gates. È una rivoluzione. In un comunicato stampa dell'epoca, Gates descrive Windows come "uno strumento in grado di dare agli utenti un potere senza precedenti" e come "la base di sviluppo per hardware e software del futuro". Un prodotto che dà "grande valore alla produttività che un pc può offrire". Windows 1.0 ha alcuni elementi che, rivisti e corretti, sono presenti ancora oggi: calendario, orologio, blocco note, Windows Paint e Windows Write (il programma di scrittura antenato di Word).

Successi da record

Microsoft, che nel frattempo ha spostato la sua sede a Redmond, entra nell'olimpo e Gates conosce fama e successo. Al suo quindicesimo anniversario, nel 1990, Microsoft è la prima compagnia di software per personal computer che supera un miliardo di dollari di vendite ogni anno. Nel 1995 debutta Windows 95 nei primi quattro giorni vengono vendute più di un milione di copie solo negli Stati Uniti. Tutto ciò che tocca Gates diventa oro, come per esempio MSN, la rete di Microsoft lanciata il 24 agosto 1995, oppure il browser Internet Explorer. Il sistema operativo Windows arriva a essere utilizzato da 9 utenti su 10.

Il monopolio di Gates

Una diffusione tale da rendere Microsoft un monopolista. Il dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti accusa la società di pratiche anti-competitive e si arriva a un accordo che costringe la società a condividere informazioni che migliorino la compatibilità dei software concorrenti con il proprio sistema operativo. Un passaggio che penalizza alcuni prodotti come Internet Explorer ma non scalfisce Windows, che continua ancora adesso a essere il sistema operativo dominante. Ma i problemi in tal senso esistono anche con l'Unione europea. Nel 2004, dopo oltre cinque anni di indagini, la Commissione europea condanna Microsoft per abuso di posizione dominante comminando al gigante informatico una multa di 497,2 milioni di euro su iniziativa dell'allora commissario Mario Monti. Un'altra condanna della Commissione Ue arriva quattro anni più tardi, nel 2008, ed è ancora più salata: 899 milioni di euro.

Il nuovo millennio

Altri prodotti tra i fiori all'occhiello della storia di Microsft anche Skype, rilevato nel 2011, e il settore dei videogames con Xbox e le successive generazioni di console, fino alle ultime innovazioni: da Windows 10, che ha portato il sistema Android su pc, ai dispositivi Surface con cuffie smart, fino a Office 2019, passando per gli investimenti in materia di automotive e l'impegno nelle missioni umanitarie.

L'addio ad Allen

Un gigante, Microsoft, nato dalla collaborazione tra due vecchi amici le cui strade si sono poi separate anche se ora, dopo la sua scomparsa, Gates ricorda Allen con ammirazione: "A Paul non bastava lavorare per una sola compagnia", ha scritto in una nota. "Ha utilizzato il suo intelletto e la sua compassione in un secondo progetto finalizzato a migliorare la vita delle persone e rafforzare i legami comunitari a Seattle e intorno al mondo. Paul diceva sempre che se abbiamo la possibilità di fare del bene dovremmo sempre farlo".

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"