Snapchat, in arrivo nuovi filtri dedicati ai gatti

Tecnologia
gettyimages-snapchat_720

L’app ha annunciato su Twitter l’adozione di disegni animati ed effetti speciali pensati appositamente per i mici 

Snapchat ha realizzato dei filtri apposta per i gatti. L’app, ideata da Evan Spiegel, Bobby Murphy e Reggie Brown e lanciata nel settembre del 2011, ora è in grado di rilevare il muso dell’animale e applicare i classici disegni animati e gli effetti speciali. La nuova funzione potrebbe essere parte di una più ampia manovra messa in piedi da Snapchat per rilanciarsi dopo il forte calo degli utenti giornalieri registrato negli ultimi mesi.

Filtri dedicati ai gatti

Per l’annuncio della novità Snapchat si è affidata a Twitter. Nel tweet sulla nuova funzione sono state mostrate alcune immagini con esempi di filtri: pipistrelli che volano intorno al muso del gatto, occhiali e corone di fiori. In precedenza i filtri erano pensati solo per i volti umani, ma occasionalmente funzionavano anche sui propri animali domestici. Ora l'app è in grado di rilevare in modo affidabile i gatti, a cui ha dedicato una serie di filtri pensati appositamente per loro. Per ora la funzione è disponibile solo per i mici e non per gli altri animali.

Strategia di rilancio

La novità potrebbe essere solo una piccola parte della strategia di rilancio pensata da Snapchat per contrastare la perdita di utenti registrata nel corso dell’ultimo anno. Snap Inc., la società madre dell'applicazione famosa per i messaggi che scompaiono dopo 24 ore e per i filtri fotografici, aveva registrato un significativo calo dall’inizio dell’anno fino alla fine di giugno: i numeri degli utenti giornalieri attivi si erano ridotti da 191 a 188 milioni, con una diminuzione dell'1,5%. Ne era seguita una riprogettazione dell’app che, però, non era piaciuta a tutti: più di un milione di persone aveva firmato una petizione per cancellare i cambiamenti adottati. In più ha anche subito la forte concorrenza di Instagram, di proprietà di Facebook. Secondo il sito TechCrunch per reagire ai dati negativi la società statunitense starebbe cambiando le sue priorità puntando più sugli adulti che sugli adolescenti e migliorando la messaggistica, concentrandosi di meno sulle storie. Inoltre il suo focus si starebbe spostando dagli Stati Uniti ai Paesi in via di sviluppo.

Tecnologia: I più letti