Calcio, Uefa: 70 mln euro per 676 club di 55 Federazioni

Sport

I fondi avrebbero dovuto essere sbloccati al completamento degli spareggi delle qualificazioni europee, ma considerando l'inaridimento dei ricavi dovuto all'emergenza coronavirus, i pagamenti verranno effettuati immediatamente. "Era nostro dovere", ha commentato Ceferin

Un aiuto ai club in questo momento "buio" per lo sport. Il Comitato esecutivo dell'Uefa ha deciso di sbloccare immediatamente i pagamenti dei compensi relativi alle competizioni delle nazionali, "alla luce dell'attuale crisi e delle difficoltà finanziarie che molti club stanno affrontando in tutta Europa" a causa della diminuzione dei ricavi durante lo stop imposto dall'emergenza coronavirus (LE ULTIME NOTIZIE). Tali pagamenti dovevano originariamente essere sbloccati al completamento degli spareggi delle qualificazioni europee, ma considerando la situazione eccezionale i pagamenti verranno effettuati immediatamente. Lo comunica la Uefa al termine della riunione dell'esecutivo. A beneficiarne 676 squadre di tutte le 55 federazioni affiliate, per una somma totale di 70 milioni di euro.

Ceferin, Uefa: "Era nostro dovere"

"In questi tempi difficili in cui molti club si trovano ad affrontare problemi finanziari, in particolare con il loro flusso di cassa, era nostro dovere assicurarci che i club stessi ricevessero questi pagamenti il più rapidamente possibile", ha commentato il presidente della Uefa, Aleksander Ceferin.

La distribuzione dei fondi

Questi pagamenti andranno a beneficio di un numero molto elevato di club in tutta Europa e forniranno loro ossigeno vitale in un momento critico: 676 squadre provenienti da 55 federazioni nazionali riceveranno cifre che vanno da 3.200 a 630.000 euro per il loro contributo alle qualificazioni europee e alla Uefa Nations League per il periodo 2018-20. Più nel dettaglio, verranno assegnati 50 milioni ai club che hanno rilasciato giocatori alle 39 squadre nazionali non coinvolte negli spareggi delle Qualificazioni Europee; 17,7 milioni ai club che hanno rilasciato giocatori alle 16 squadre nazionali coinvolte negli spareggi delle Qualificazioni Europee (esclusi i pagamenti per gli spareggi, che saranno pagati al completamento degli spareggi); il saldo di 2,7 milioni di euro relativo ai giocatori rilasciati per gli spareggi sarà distribuito al termine di queste partite di spareggi in autunno. Per il torneo Euro 2020, un minimo di 200 milioni è disponibile per la distribuzione ai club, come concordato nel memorandum d'intesa (MoU) tra Uefa ed Eca (European Club Association), che è stato rinnovato nel 2019. Sulla base del meccanismo di distribuzione dei pagamenti approvato dal Comitato Esecutivo Uefa, verranno distribuiti 70 milioni di euro tra quei club che hanno rilasciato giocatori per le qualificazioni europee e la Uefa Nations League e i restanti 130 milioni di euro saranno distribuiti tra quei club che rilasceranno giocatori per Uefa Euro 2020. 

Agnelli: "Fondamentale garantire sostegno finanziario"

"Mentre la salute pubblica rimane la nostra principale preoccupazione, garantire un sostegno finanziario, legale e normativo prima di far ripartire il calcio in Europa, una volta che ci sarà la sicurezza per farlo, è di fondamentale importanza per l'European Club Association e i suoi membri", ha aggiunto Andrea Agnelli al termine del Comitato esecutivo dell'Uefa. L'elenco completo dei club e l'importo totale ricevuto da ciascuna società verrà comunicato dopo la disputa di Euro 2020.  

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Non perderti le tue notizie locali

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.