Serie A, stop di due giornate per Mario Balotelli

Sport

Giovanni Rispoli

Arrivata la decisione del giudice sportivo che ferma, per le prossime due gare di campionato, l'attaccante del Brescia dopo il cartellino rosso rimediato nella sfida con il Cagliari per insulti all'arbitro

Due giornate di squalifica, motivata dagli insulti all'arbitro dopo il cartellino rosso rimediato contro il Cagliari negli 8 minuti, che gli ha concesso in campo il suo allenatore Eugenio Corini. La stagione di Mario Balotelli continua in un saliscendi frenetico dove però cominciano ad essere troppo più numerosi i momenti della discesa che le cose da ricordare. Le speranze di inizio stagione di un ritorno da incorniciare, con tanto di candidatura per un posto ai prossimi Europei si stanno dissolvendo.

Ritorno in Italia dal Marsiglia, problemi di razzismo e non solo

L'acquisto, voluto fortemente dal presidente Cellino, per rinsaldare le speranze di salvezza delle rondinelle, che mancavano dalla serie A da otto anni, fin qui non ha prodotto gli effetti sperati. 15 presenze stagionali con 5 gol realizzati e lo stesso numero di cartellini gialli rimediati, fino al rosso di domenica scorsa. Mario Balotelli ha iniziato la sua stagione il 24 settembre contro la Juventus dopo aver saltato i primi quattro turni del campionato per una vecchia squalifica. Cinque giorni dopo al San Paolo di Napoli ha trovato il suo primo gol che non ha portato punti alla sua squadra prima di entrare in un periodo di involuzione nel rendimento. Il secondo squillo è arrivato il 3 novembre a Verona, ancora inutile per il risultato, e soprattutto cancellato dalle polemiche legate al suo sfogo in campo contro i cori razzisti arrivati dalla curva scaligera. Balotelli è finito su tutte le pagine dei giornali europei per aver minacciato di lasciare il campo e nei giorni a seguire ha ricevuto la solidarietà di tanta parte del mondo del calcio ma anche numerose critiche. Dal presidente della Federcalcio Gravina è arrivato anche l'invito per il ct Mancini, rimasto inascoltato, di convocarlo in Nazionale. Poi le polemiche interne con il neo allenatore dei bresciani Fabio Grosso con la sostituzione nell'intervallo del match casalingo contro il Torino e l'esclusione dalla successiva trasferta contro la Roma con l'accusa di scarso impegno durante gli allenamenti. Il ritorno in squadra nel derby contro l'Atalanta è da dimenticare. Ancora di più le parole del suo presidente Massimo Cellino a margine di una riunione della Lega calcio: "Cosa devo dirvi su Balotelli? Che è nero, sta lavorando per schiarirsi però ha molte difficoltà". La risposta arriva sul campo pochi giorni dopo con un gol da tre punti realizzato contro la Spal. Poi tante voci su un suo addio in questo gennaio ma anche prestazioni incoraggianti con gli ultimi due gol realizzati consecutivamente a Parma e Lazio e ai cori dei tifosi biancazzurri la sua pronta replica social "Vergognatevi". Adesso è tempo di nuovo di ripartire dal basso, ma per Balotelli, specialista nelle rinascite, c'è ancora tempo di chiudere la stagione come aveva sognato.

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Non perderti le tue notizie locali

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.