Razzismo, Balotelli risponde all’ultrà del Verona: "Ignoranti, siete la rovina"

Sport

Il calciatore commenta le parole di Luca Castellini, esponente del tifo organizzato gialloblù che ha descritto come "folklore" gli insulti ricevuti dal centravanti durante il match di campionato tra gli scaligeri e il Brescia. "Basta mandare giù"

"Qua amici miei non c'entra più il calcio, state facendo riferimento a situazioni sociali e storiche più grandi di voi, piccoli esseri. Qua state impazzendo ignoranti... Siete la rovina". Queste le parole di Mario Balotelli che, attraverso il suo profilo Instagram, commenta l’intervista di Luca Castellini, ultrà del Verona che ha definito semplice "folklore" e non razzismo gli insulti ricevuti dal centravanti durante il match tra i gialloblù e il Brescia del 3 novembre.

Balotelli: "Basta mandar giù"

Balotelli poi aggiunge: "Però quando Mario faceva, e vi garantisco farà ancora, gol per l'Italia vi stava bene vero? Le persone così vanno 'radiate' dalla società, non solo dal calcio". E incalza: "Basta mandare giù ora, basta lasciare stare".

Le parole dell’ultrà veronese

Lo sfogo di Mario Balotelli arriva poco dopo le parole di Luca Castellini che durante un'intervista radiofonica ha commentato l’episodio del Bentegodi dicendo inoltre che "Balotelli è italiano perché ha la cittadinanza italiana ma non potrà mai essere del tutto italiano". Lo stesso Castellini ha poi aggiunto: "Noi abbiamo una cultura identitaria di un certo tipo, siamo una tifoseria che è dissacrante, che prende per il c... il giocatore pelato, quello con i capelli lunghi, il giocatore meridionale e il giocatore di colore, ma non lo fa con istinti politici o razzisti. Questo è folklore, si ferma tutto lì". Dell'episodio ha parlato anche il sindaco di Verona Federico Sboarina, che a Sky Tg24 ha detto: "Condanno ogni forma di razzismo, ma allo stadio nessuno ha sentito cori razzisti".

Il gesto di Balotelli al Bentegodi dopo i cori razzisti

Le polemiche nascono in seguito alla partita di campionato, valida per l’11esima giornata di Serie A, tra Verona e Brescia. Nel secondo tempo, infatti, il match è stato sospeso per quattro minuti a causa di alcuni cori razzisti. In particolare, Mario Balotelli ha sentito degli ululati provenire da un settore dello stadio Bentegodi. L’attaccante bresciano, infastidito da ciò che sentiva, ha scagliato il pallone verso il pubblico e ha minacciato di lasciare il campo. L’arbitro Mariani, dopo aver parlato con il giocatore, ha chiesto che lo speaker facesse l'annuncio di una possibile sospensione del match. Soltanto in seguito la partita è ripresa, terminando con il risultato di 2-1 per il Verona (I GOL). "Grazie a tutti i colleghi in campo e non, per la solidarietà avuta nei miei confronti e a tutti i messaggi ricevuti da voi tifosi. Grazie di cuore, avete dimostrato di essere veri uomini, non come chi nega l'evidenza", ha scritto Balotelli sul suo profilo Instagram dopo il match, aggiungendo: "Chi ha fatto il verso della scimmia si vergogni".

Sport: I più letti