Das Boot 2, la recensione del primo episodio, "Missione segreta"

Serie TV sky atlantic

Linda Avolio

Leggi la recensione del primo episodio di Das Boot 2, "Missione segreta." La nuova stagione della serie tv targata Sky è in onda su Sky Atlantic il venerdì sera alle 21.15 (disponibile anche On Demand e in streaming su NOW TV). - OVVIAMENTE CI SONO SPOILER PER CHI NON HA ANCORA VISTO L'EPISODIO

Das Boot 2, cos'è successo nel primo episodio

Quella del primo episodio della seconda stagione di Das Boot è un’apertura spiazzante. Sì, siamo su un sottomarino da guerra tedesco (sull’U-822 per la precisione), questo ci è chiaro, ma chi sono i personaggi che vediamo muoversi negli angusti spazi dell’imbarcazione? E chi è quel capitano con la barba ormai lunga e col cappello ormai sporco? Chiunque egli sia, è evidente che si trova in mare aperto da parecchio tempo…e che quella non è per niente la sua prima missione.

 

Col piglio di chi ha affrontato molte, forse troppe, battaglie, il capitano Johannes Von Reinhartz, questo il suo nome, ordina lo sgancio di due siluri che andranno a colpire il mercantile nemico che si trova nelle vicinanze. Obiettivo centrato, molto bene. Solo che non si tratta di un mercantile, ma di una nave civile con a bordo dei passeggeri. Si avvicina un vascello da guerra, un caccia, e a quel punto l’unica opzione è viaggiare in immersione passando sotto i naufraghi. Così l’U-822 non potrà essere inseguito facilmente. Una mossa tanto geniale quanto priva di ogni etica. Ma in guerra, d’altronde, a contare veramente è solo una cosa: sopravvivere. Costi quel che costi.

 

CLICCA QUI: Das Boot 2, scopri tutto nello speciale sulla serie tv

approfondimento

Das Boot 2, la data di uscita della nuova stagione e dove vederla

Dopo il prologo, e dopo i titoli di testa, è tempo di tornare a La Rochelle, e lo facciamo insieme a Margot. La giovane infermiera, infatti, dopo aver portato in salvo la piccola Anna, la figlioletta di Frank, ha deciso di tornare indietro e di fare la sua parte. Viene intercettata da Duval, che però, con sua grande sorpresa, decide di coprire questa sua assenza di un mese: è stata da sua madre a Marsiglia, questa sarà la versione ufficiale.

 

Salutato il commissario collaborazionista (anche se ormai sempre più controvoglia), Margot va a casa di Simone e le racconta di aver lasciato la bimba a delle persone di fiducia che l’hanno poi portata fino in Spagna, al sicuro presso un convento di suore. La notizia fa ovviamente felice la giovane Strasser, ancora tormentata da quanto accaduto qualche settimana prima. Eppure non avrebbe potuto fare diversamente: quella cellula impazzita della Resistenza andava distrutta, altrimenti sarebbero stati giustiziati troppi innocenti, tra cui la stessa Margot.

 

Simone si reca immediatamente dal fratello. E’ quasi Natale, e per Frank non c’è regalo migliore dell’indirizzo del convento dove si trova la sua Anna e di quel passaporto falso per cui ha pagato un prezzo così alto. Il giovane marconista dell’U-612 non ci pensa due volte: raccoglie in fretta e furia i suoi pochi averi e si mette in marcia. La sua fuga, però, dura pochissimo. Viene infatti riconosciuto lungo la strada da un paio di camerati che capiscono immediatamente cosa sta succedendo e che lo riportano prontamente a La Rochelle.

approfondimento

Das Boot 2, alla scoperta della nuova stagione della serie tv

In commissariato la tensione si taglia col coltello. Hagen Forster, rientrato dopo un periodo di degenza in ospedale, ovviamente non si fida più di Simone. Grazie allo stop forzato si è dato allo studio del francese, e ora padroneggia discretamente la lingua, dunque non ha più così bisogno di lei. Se potesse si sbarazzerebbe subito di quella traditrice, e forse sta per capitargli tra le mani l’occasione giusta.

 

Simone, infatti, sta aiutando di nascosto una famiglia ebrea. Lo spietato maggiore lo scopre da un delinquentello locale, un certo Anatole Desjesquier, che poco prima è stato travolto in strada dalla Signorina Strasser e che, seguendola di nascosto, ha scoperto che ci sono un padre e due bambini nello scantinato di una casa. Recatosi in commissariato per denunciare la cosa a Duval nella speranza di tirare su qualche soldo, Desjesquier si rende conto che la donna vista poco prima è nientemeno che la segretaria di Forster. Lo scaltro ufficiale della Gestapo dice a Simone di organizzare una retata, ma non prima del tramonto, per non creare scompiglio. E’ una trappola.

 

Insieme a Margot, ufficialmente con la Resistenza, Simone corre dai Goldblatt: bisogna portarli via da lì. Ecco però arrivare la polizia, e ben prima del calar della notte. Mentre la giovane infermiera porta al sicuro David e i figli, la giovane Strasser attende il nemico con la pistola in mano. Cadrà di lì a poco sotto i colpi di arma da fuoco degli uomini di Forster, che finalmente si è tolto un bel pensiero.

approfondimento

Das Boot 2, il cast e i personaggi della nuova stagione della serie tv

Vigilia di Natale. Mentre gli equipaggi dell’U-612 e dell’U-822 si sfidano nel bordello di La Rochelle a colpi di braccio di ferro, Ehrenberg, tormentato da quanto fatto a Hoffmann, minaccia di dire la verità. Intanto gli alti ufficiali - tra cui Wrangel, premiato con la croce al merito per la sua ultima, vittoriosa missione - partecipano a una cena riservata solo a loro. Ovviamente presente anche Forster, che è ben contento di fare la conoscenza di Johannes Von Reinhartz. Il capitano, grande amico del comandante Gluck, dice di non essere affatto orgoglioso di quanto accaduto di recente, ma il maggiore non ha dubbi: una vittoria è una vittoria, e le vittorie fanno bene al morale.

 

Non c’è però tempo da perdere. Berlino ha chiamato Gluck per comunicargli una nuova, segretissima missione, e sarà Von Reinhartz a portarla a termine. Il capitano riceve l’ordine di non aprire la cartella contenente i documenti di viaggio fino a che non sarà al largo, ma, non appena arrivato nella sua camera, disobbedisce. E scopre di essere diretto verso l’America. Scrive una lettera alla moglie, con la quale ormai pare essersi creata una distanza incolmabile, dichiarandole nuovamente il suo amore e chiedendole di lasciare immediatamente la Germania alla volta degli Stati Uniti. Si ritroveranno lì, e, lui ne è certo, finalmente questa assurda guerra sarà finita.

 

Il giorno seguente Von Reinhartz si imbarca insieme al suo solito equipaggio e ad alcuni marinai presi in prestito dall’U-612. Il suo primo ufficiale, invece, sarà un certo Schiller. Sull’U-822 ritroviamo anche Frank, graziato da Gluck solo perché c’è bisogno di un marconista anglofono. Ecco arrivare anche il carico: tre ufficiali delle SS, guidati dal maggiore Friedel, una spina nel fianco. Una spina armata di pistola. Un bell’inconveniente per il capitano ribelle.

approfondimento

Das Boot 2, la trama della nuova stagione della serie tv

Ritroviamo Hoffmann nella Grande Mela, precisamente nella sede della compagnia dei Greenwood. Klaus, infatti, è ospite di Sam, e, così parrebbe, sta collaborando con lui a un progetto che in teoria prevede la creazione di un nuovo e più performante radar. Il suo unico desiderio, però, è tornare in patria. Per questo motivo, il suo nuovo amico americano lo porta in un locale jazz: per incontrare Friedrich Berger, un misterioso faccendiere originario di una comunità mennonita della Pennsylvania. E’ grazie a lui se Sam è riuscito a tornare a casa, dunque è la persona perfetta per una sfida del genere.

 

Intanto, ecco esibirsi l’affascinante Cassandra, cantante jazz dalla voce sopraffina e dallo sguardo ammaliante di cui Greenwood Junior è chiaramente invaghito. Piccolo dettaglio non di poco conto per quell’epoca: Cassandra è nera. Anche Hoffmann, quando la conosce (le viene presentato come Klaus, l’amico svizzero) non rimane indifferente. Lei lo prende bonariamente in giro chiamandolo Robinson Crusoe…e lui dentro sente smuoversi qualcosa. A farlo tornare alla realtà, però, è il ricordo di quei terribili giorni in mare, su un gommone, in compagnia del fedele Max e di un contenitore dell’acqua troppo piccolo per entrambi…

Das Boot, il commento al primo episodio

approfondimento

Das Boot 2, le foto dei primi due episodi della serie tv

Grande ritorno per Das Boot, che ricomincia con un prologo in cui viene introdotto un personaggio che sarà al centro dei prossimi episodi: il capitano dell’U-822 Johannes Von Reinhartz, un uomo completamente disilluso che ormai non riesce più a trovare un senso a questo assurdo conflitto. Un uomo di mare e, soprattutto, un uomo d’onore, che non si tira indietro quando è il momento di ammettere che la decisione di usare dei naufraghi come scudo ha ben poco di onorevole.

 

Proprio come Frank, che vorrebbe solo raggiungere la sua Anna e lasciarsi tutto il resto alle spalle, anche Von Reinhartz è stufo di combattere, e ormai desidera solo riabbracciare la moglie. Ma non in terra tedesca: in terra americana. L’arrivo a bordo dei tre ufficiali delle SS, però, complicherà non poco le cose, ne siamo certi!

 

Interessante anche il personaggio di Gluck, che, non a caso, è grande amico di Johannes, col quale condivide una certa caratura morale. Così come non tutti i nazisti sono stati tedeschi, allo stesso modo non tutti i tedeschi sono stati nazisti, e il comandante rientra sicuramente in questa seconda categoria. Ha giurato di difendere la patria, e poi si è ritrovato coinvolto in questa guerra che lo lascia quantomeno dubbioso. Gli ordini, però, sono ordini, e non vanno discussi. Solo i traditori discutono e non obbediscono.

 

Chi invece non rischierà mai di passare per traditore è Forster, uomo dall’animo scuro tanto quanto i suoi elegantissimi completi sartoriali. Il maggiore della Gestapo si conferma il personaggio più inquietante, un vero villain dal cuore di tenebra.

 

Torna a sorpresa in scena il personaggio di Margot, e il motivo è presto detto: la morte di Simone avrebbe lasciato la serie senza un personaggio femminile nel cast principale. In un passaggio di consegne dettato dalla necessità del momento, la giovane infermiera, ora membro attivo della Resistenza - sì, mettetevelo chiaramente in testa, anche le donne hanno combattuto per la libertà! - si ritrova in fuga insieme a una famiglia ebrea. Una missione doppiamente rischiosa.

 

Spettacolo: Per te