Nirvana, Nevermind compie 30 anni: 10 cose da sapere sul disco, pietra miliare del grunge

Approfondimenti
©Ansa

Era il 24 settembre 1991 quando uscì il secondo album della band di Seattle guidata da Kurt Cobain. Si stima che ad oggi abbia venduto più di 30 milioni di copie nel mondo. L'eredità del disco è stata enorme e ha portato il rock alternativo nel mainstream. Dalla tracklist alla copertina iconica: ecco le curiosità

Nevermind dei Nirvana compie 30 anni. L’album, capolavoro della band di Seattle guidata da Kurt Cobain, è uscito il 24 settembre 1991. È ritenuto uno dei dischi fondamentali degli anni Novanta e della storia del rock. Considerato come la vetta del grunge, contiene canzoni memorabili e videoclip molto celebri. Ecco 10 cose da sapere.

ha scalzato michael jackson

leggi anche

Kurt Cobain, i dubbi sulle cause della morte nel dossier dell'FBI

Album-manifesto degli anni Novanta, Nevermind riuscì a detronizzare Michael Jackson dalla vetta di Billboard 200 scalzando Dangerous. Rolling Stone lo inserì poi alla 17esima posizione dei 500 migliori dischi di tutti i tempi.

Le richieste di aprire i concerti delle star

Dopo l’uscita di Nevermind fu presto chiara la grandezza dei Nirvana, che vennero immediatamente contattati per aprire i concerti di molte grandi star. Cobain rifiutò ogni invito, compresi quelli dei Metallica e dei Guns ’n Roses.

Dave Grohl entra nella band

Nevermind è il primo album dei Nirvana con Dave Grohl alla batteria. Prima di lui, il gruppo aveva cambiato almeno cinque batteristi.

Sheep, titolo provvisorio

leggi anche

Nevermind, il bambino sulla copertina fa causa ai Nirvana

Il titolo, in origine, avrebbe dovuto essere Sheep. Ma rimase tale per poco tempo. L’idea del titolo era solo provvisoria e presto fu tramutata, appunto, in Nevermind.

Cobain contro la censura della copertina

La copertina dell'album fece molto discutere. Su di essa campeggia un bambino di 4 mesi, Spencer Elden, fotografato mentre nuotava, tutto nudo, in una piscina. Kurt Cobain era stato ispirato da un documentario sul parto in acqua. La censura cercò di abbattersi sull’album, ma il frontman dei Nirvana non si piegò alla pretesa di oscurare i genitali del bambino e replicò senza mezzi termini: “Chi si sente offeso dall’immagine del pene di un neonato, probabilmente è un pedofilo represso”.  

La censura ai VMA's 1992

leggi anche

I 30 anni di Smells Like Teen Spirit, ispirata da... un deodorante

La censura si è però abbattuta in modo inesorabile ai VMA's 1992 sulla band. Mtv proibì ai Nirvana di eseguire la scandalosa Rape Me, ma prima di iniziare Lithium Cobain ne simulò le prime note.

Smells Like Teen Spirit

Leggenda vuole che il brano Smells Like Teen Spirit fosse ispirato a un deodorante per ragazze. In realtà si riferisce a una frase che Kathleen Hanna, leader della riot band delle Bikini Kill, scrisse con vernice spray sul muro esterno di casa di Cobain: “Kurt smells like teen spirit”. Il brano è eseguito in tonalità di Fa minore, il riff principale è costituito da quattro power chord eseguiti in una sincope semicroma. Gli accordi sono ottenuti con la sovrapposizione di due tracce allo scopo di "rendere il suono più potente", come ha racontato il produttore Butch Vig. Per convincere Kurt a usare la doppia traccia, gli disse: "John Lennon lo ha fatto".

L'accusa di plagio

leggi anche

Dave Grohl: "I Nirvana hanno registrato nuova musica"

Come as You Are è un plagio? L’accusa arrivò dai Killing Joke che rivendicarono la paternità del riff iniziale ripreso dalla loro Eighties. Dopo la morte di Cobain la band abbandonò la causa legale.

Lithium e i problemi di Cobain

Il titolo del brano Lithium è un chiaro riferimento al litio, sostanza alla base di farmaci antidepressivi e stabilizzatori dell’umore. Il testo parla del disturbo bipolare che affliggeva Cobain. Originariamente, Cobain voleva un video a cartoni animati ma i tempi lunghi di lavorazione lo fecero desistere.

Cobain visse sotto un ponte?

Something in the Way fa invece riferimento al periodo in cui Cobain avrebbe abitato sotto il ponte di Young Street ad Aberdeen, dopo essere scappato di casa e aver lasciato gli studi. Era l'aprile del 1984. In realtà come hanno raccontato la sorella Kim e il bassista della band Krist Novoselic, Kurt non andò mai a vivere sotto un ponte. Il titolo della canzone significa "qualcosa tra le scatole" e indica il difficile rapporto di Kurt con la propria famiglia. Infatti proprio lui sarebbe quel "qualcosa" tra le scatole.

 

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.