Amore, girl power e qualche lacrima: le frasi più belle delle canzoni di Beyoncé

Approfondimenti
©Kika Press

Vincitrice di 28 Grammy Awards, è la cantautrice con più vittorie e nominarion. Anche ballerina e imprenditrice, ha iniziato a scalare le classifiche con le Destiny’s Child per poi imporsi definitivamente con la carriera da solista. Forte, determinata e dall’energia travolgente, il 4 settembre 2021 ha compiuto 40 anni

Beyoncé è la regina indiscussa del pop. Cantante, ballerina e imprenditrice, a 40 anni ha vinto 28 Grammy Awards diventando l’artista più titolata della premiazione. Il 4 settembre 2021 ha tagliato il traguardo dei 40 anni, con circa 60 milioni di copie, tra album e singoli, venduti con le Destiny’s Child e 118 milioni da solista. La sua carriera nel mondo della musica è iniziata infatti proprio come fondatrice del gruppo femminile R&B con Kelly Rowland e Michelle Williams. Poi, con lo scioglimento del gruppo nel 2006, ha continuato da sola a scalare le classifiche salendo in vetta in tutto il mondo. La rivista musicale Billboard l’ha eletta Artista Femminile del Decennio 2000-2012, così come il The Guardian. Forbes l’ha elencata ai primi posti tra le più ricche al mondo. Nelle sue canzoni parla di tutto, amore, girl power, tradimenti, con la grinta e l’energia che la contraddistinguono e l’hanno fatta imporre nel panorama musicale mondiale. Ecco le 5 frasi più belle delle sue canzoni più famose.

“I’m screaming out and my dreams'll be heard”

leggi anche

Beyoncè, Formation miglior video di sempre secondo Rolling Stone

“Sto urlando e i miei sogni saranno ascoltati” canta Beyoncé in “Listen”, “non saranno messi da parte”, prosegue. Il singolo è stato nominato sia per il Golden Globe Award 2007 che per l’Academy Award come miglior canzone originale per il film “Dreamgirls”. Il brano si allontana dallo spirito trasgressivo dell’artista e parla del desiderio di essere ascoltati veramente senza essere distratti dai “rumori” della vita e dei pensieri che ci rendono sordi a ciò che dice il cuore.

“You can taste the dishonesty”

approfondimento

Beyonce: dalle Destiny's Child al record dei Grammy Awards

In varie canzoni Beyoncé parla invece di tradimento, come in “Pray You Catch Me” dove il brano si apre con la frase “si riesce a sentire la tua disonestà, è in ogni tuo respiro”. La canzone fa parte del sesto album in studio della pop star “Lemonade” che affronta temi come il dolore e il perdono in una sorta di viaggio attraverso la propria femminilità.

“It’s the beat that my heart skips when I’m with you”

vedi anche

La mamma di Beyoncé pubblica una foto dolcissima della figlia neonata

La nascita di un amore e le emozioni che travolgono e fanno “impazzire d’amore” sono alla base di “Crazy in love” singolo uscito nel 2003 che ha venduto oltre 6 milioni di copie in tutto il mondo. Beyoncé racconta quello che accade prima che ci si lasci completamente andare e l’amore prenda il sopravvento: “È il battito che il mio cuore salta quando sono con te”.

“I swear I’d be a better man”

leggi anche

Tiffany, Beyoncè e il marito Jay-Z insieme nella nuova campagna

La fine di una storia e come gli uomini siano spesso indifferenti ai bisogni delle proprie compagne è invece raccontato nel brano “If I were a boy”. Il brano è stato scelto per lanciare il terzo disco di Beyoncé e sembra voler dare una risposta alla domanda “cosa faresti de fossi un ragazzo?”. Risposta: “Giuro che sarei un uomo migliore” canta l’artista nella canzone. “La ascolterei perché so quanto fa male quando perdi quello che volevi”, aggiunge la star nel suo brano.

“Who run the world? Girls”

leggi anche

Beyoncé, Ivy Park Rodeo: la linea country in collaborazione con Adidas

Un inno alla forza e alle capacità delle donne che riescono a superare gli uomini è invece il leit motiv di “Run the World (Girls)”, singolo pubblicato nel 2011 come estratto del quarto album in studio. “Chi comanda il mondo? Le ragazze” è il grido di Beyoncé che, con il brano, sembra voler spronare il gentil sesso a prendere in mano le redini della propria vita e a non farsi sottomettere o mancare di rispetto. “My persuasion can build a nation”, la mia persuasione può costruire una nazione.

Spettacolo: Per te