BTS, "Proof" è il sesto album del gruppo a dominare la classifica

Musica

Nonostante l’annuncio della temporanea pausa dai progetti di gruppo, il successo dei BTS non accenna a fermarsi con il loro album-antologia Proof che è stato certificato ufficialmente da Billboard nella classifica Top200 dei più venduti e ascoltati della settimana, dopo la pubblicazione ufficiale il 10 giugno

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

 

Neppure l’annuncio di una temporanea pausa dai progetti di gruppo, per dedicarsi alle carriere da solisti, ha fermato il successo dei BTS. La ormai storica boy band sud-coreana, icona del genere k-pop in terra natale e nel mondo, ha infatti raggiunto, secondo i dati di mercato raccolti come ogni inizio settimana, lo scorso lunedì 20 giugno, il primo posto della classifica Top200 Billboard americana, con il suo nuovo album Proof. L’antologia di ben 3 CD e 48 tracce a resoconto degli ultimi nove anni di musica insieme per RM, Jin, Suga, J-Hope, Jimin, V e Jungkook, alla release lo scorso 10 giugno. È il sesto album in studio della band a raggiungere questo traguardo.

Proof, il nuovo album dei BTS è già un successo

approfondimento

I BTS si dedicheranno temporaneamente a carriere soliste

Pubblicato lo scorso 10 giugno su tutte le migliori piattaforme digitali e in formato fisico, Proof è il nuovo album della k-pop band sudcoreana dei BTS. Il decimo in studio, nonché l’ultimo prima della preannunciata pausa dei membri del collettivo, per dedicarsi alla crescita personale e ai progetti da solisti. Una vera e propria raccolta in musica degli ultimi nove anni insieme di RM, Jin, Suga, J-Hope, Jimin, V e Jungkook che, stando ai dati condivisi lunedì 20 giugno, è entrata al primo posto della Top200 secondo Billboard, a riprova del grande talento che il gruppo non smette di mostrare al mondo, anche occidentale. Proof è il sesto album su dieci dei BTS ad incontrare non solo il parere positivo di pubblico e critica, ma anche un risultato così eccezionale, da top classifica ad una sola settimana dalla release, dopo: Love Yourself: Tear (2018), Love Yourself: Answer (2018), Map of the Soul: Persona (2019), Map of the Soul: 7 (2020) e Be (2020). Il disco avrebbe esordito al primo posto in classifica dei più venduti e ascoltati della 24esima settimana dell’anno con ben 314mila copie fisiche commercializzate, 12mila album ascoltati in via digitale e oltre 52milioni di ascolti per le singole tracce in streaming.

Proof ripercorre il successo dei BTS

approfondimento

Casa Bianca, i BTS parlano di inclusione e crimini d'odio vs asiatici

Se da una parte l’annuncio di una temporanea pausa dai progetti del gruppo ha sconvolto i numerosi fan della ARMY dei BTS, dall’altra la pubblicazione di Proof ha alimentato l’apprezzamento verso una delle band più influenti del momento a livello internazionale. Proof, uscito il 10 giugno, è un album che si può tranquillamente paragonare al racconto in musica della storia dei BTS, da quando, ancora piccolissimi (oggi hanno tra i 24 e 29 anni) i membri della boy band k-pop hanno calcato per la prima volta le scene e le porte di grandi studi di registrazione durante il loro esordio nel 2013, arrivando poi al successo mondiale di oggi. All’interno del progetto discografico, ben 3 differenti CD con tracklist dedicate a grandi hit di successo come Dynamite e la recente Butter, fino a demo inedite e nuovi pezzi come Yet To Come, Run BTS e For Youth. Per capire l’influenza dei BTS sul pubblico di ascoltatori internazionale, si tratta della prima k-pop band in Occidente, a raggiungere così importanti numeri di streaming e vendita, nonostante una parte considerevole della loro produzione non sia in lingua inglese, accessibile a tutti, ma nel sudcoreano originale.

Spettacolo: Per te