Jon Bon Jovi e Bruce Springsteen raggiungono Paul McCartney sul palco a fine tour

Musica

Camilla Sernagiotto

Immagine dal profilo di IG di Paul McCartney

Sul palcoscenico dello show dell'ex Beatle di giovedì sera (16 giugno) presso il Met Life Stadium di East Rutherford, nel New Jersey, è apparso a sorpresa prima il Boss (che dopo aver eseguito la sua hit degli anni '80 “Glory Days” ha accompagnato Paul in tanti altri brani dello show, compresi alcuni dei Beatles) e poi Jon Bon Jovi. Quest’ultimo ha cantato “Happy Birthday” a Macca, che sabato compirà 80 anni

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

Durante il concerto di Paul McCartney tenutosi giovedì sera (16 giugno) presso il Met Life Stadium di East Rutherford, nel New Jersey, due grandi sorprese si sono susseguite: prima è apparso Bruce Springsteen, poi Jon Bon Jovi.
Il Boss è uscito sul palco mandando in delirio il pubblico e, dopo aver eseguito la sua hit degli anni Ottanta “Glory Days”, ha accompagnato McCartney anche nell’esecuzione di altri brani, tra cui la cover dei Beatles "I Wanna Be Your Man”.
Più tardi è toccato a Jon Bon Jovi, che è salito on stage con in mano un mazzo di palloncini per cantare “Happy Birthday” a Macca, che sabato compirà 80 anni.

L’ultima tappa nordamericana del tour "Got Back" di Paul McCartney entrerà quindi nella storia dei live, su questo non ci piove.
Ricordiamo che anche altre volte Springsteen ha raggiunto il collega inglese sul palco, tra cui nel lontano 2012: il 5 agosto di quell'anno il Boss si unì a Paul all'Hyde Park di Londra in occasione del festival Hard Rock Calling, dove ha eseguito "I Saw Her Standing There”. E sottolineiamo che, nonostante sia stata una sorpresa, ormai chiunque passi dal New Jersey a suonare si vedrà uscire sul palco a un certo punto il Boss (come è successo recentemente anche ai Coldplay). Vivendo lì, Springsteen deve fare un po' da anfitrione del New Jersey insomma. Cosa che rende felici tutti gli artisti a cui spetta questo grande onore.

In fondo a questo articolo potete guardare due video condivisi su Twitter dall’account ufficiale dei Beatles, due emozionanti clip che propongono il momento in cui suona Springsteen e quello in cui Jon Bon Jovi augura buon compleanno in musica a Paul.
Vi proponiamo anche i due scatti condivisi da McCartney su Instagram che ritraggono i momenti assieme ai colleghi.

Il ritorno del Boss sul palco

approfondimento

Basso di McCartney all'asta per beneficenza, cifra record di 496mila $

Bruce Springsteen è poi tornato a suonare la chitarra alla fine del medley di chiusura dello spettacolo, scambiando assoli con i compagni di band di McCartney.
Il Boss ha suonato infine la chitarra in "The End", il classico tratto dal disco Abbey Road. Il brano è stato la 39esima canzone presentata in questa memorabile serata, pezzo che opportunamente ha concluso lo spettacolo.

L’ex Beatle sarà il protagonista del Festival di Glastonbury nel Regno Unito, atteso per il prossimo 24 giugno.

Il successo strepitoso di Paul anche dopo i Beatles

approfondimento

Bruce Springsteen a sorpresa sul palco con i Coldplay in New Jersey

Il primo vero album solista di Paul McCartney (diciamo vero perché il primissimo in realtà è una colonna sonora, ossia The Family Way del 1967) è quello che sancisce una nuova era di Paul: l’ex Beatle diventa Paul McCartney. Punto.

Come sottolinea l’edizione statunitense di Billboard, Macca è l’artista “di maggior successo nella storia delle classifiche degli album del Regno Unito, con 22 numeri 1 nella sua carriera, comprese le collaborazioni con la sua band Wings e, naturalmente, i Beatles”, scrive il giornalista americano Lars Brandle.

Ma non solo Gran Bretagna: “le sue imprese nelle classifiche negli Stati Uniti sono senza pari e includono 20 numeri 1 della Billboard Hot 100 con i Beatles, un record”, continua Billboard. “McCartney è stato inserito due volte nella Rock And Roll Hall of Fame, una volta come membro dei Beatles (1988) e di nuovo come artista solista (1999)”. Dopodiché, visto che parliamo di una serata in cui sono scesi sul palco come veri e propri deus ex machina altri due mostri sacri della musica, Billboard ci ricorda di quando toccò a Springsteen e Jon Bon Jovi fare il proprio ingresso nella Hall of Fame del rock, rispettivamente nel 1999 e nel 2018.

Di seguito potete guardare due video condivisi su Twitter dall’account ufficiale dei Beatles, due clip emozionanti che propongono il momento in cui suona Springsteen e quello in cui Jon Bon Jovi augura buon compleanno in musica a Paul McCartney.
Vi proponiamo anche i due scatti condivisi da Paul McCartney su Instagram che ritraggono i momenti assieme ai colleghi.

Spettacolo: Per te