Sanremo 2020, il regolamento del Festival

Il regolamento completo del Festival di Sanremo 2020 e tutte le giurie coinvolte nella votazione

Scopri tutto su Sanremo 2020: lo SPECIALE Festival di Sanremo, 69 edizioni in 69 foto: tutti i cantanti e i vincitori

Sono tante le novità previste per il regolamento del Festival di Sanremo 2020. Una scelta nata anche dopo le numerose polemiche dello scorso anno con la vittoria di Mahmood su Ultimo, preferito però dal pubblico da casa. Un ribaltamento del voto operato poi da giornalisti e giuria di qualità che alla fine premiò proprio Mahmood e la sua “Soldi”, divenuta comunque una delle canzoni più famose nella storia del Festival.

Sanremo 2020, in programma dal 4 all’8 febbraio, avrà un sistema di voto diverso per ogni serata. In gara per la categoria Campioni ci sono 24 artisti, mentre sono 8 le Nuove proposte. Tutti i partecipanti si esibiranno con brani inediti, tranne nella serata dedicata ai duetti e alle cover.

Le giurie di Sanremo 2020

Quest’anno sono quattro le giurie che decideranno chi sarà il vincitore di Sanremo 2020:

  1. La giuria demoscopica è composta da 300 persone scelte tra coloro che sono “abituali fruitori di musica” e votano da casa attraverso una semplice applicazione. 
  2. La giuria della sala stampa è invece composta dai giornalisti della carta stampata, tv, radio e web accreditati al Festival. 
  3. La terza giuria è l’Orchestra, professionisti selezionati dalla Rai «sulla base di riconosciute qualità», oltre a quelli provenienti dalla Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo. 
  4. Infine c’è il televoto, voto del pubblico che avviene attraverso telefono fisso e telefonia mobile (esclusi i sistemi automatici che permettono l’invio di sms e telefonate massive). 

Nelle serate in cui è prevista la votazione contestuale delle prime tre giurie, il peso è così ripartito: 33% Demoscopica, 33% sala stampa e 34% televoto.

Il regolamento per ogni serata

Ogni serata è stato predisposto un sistema di voto diverso:

  • Nella prima serata vengono giudicati i Campioni solo dalla sola giuria demoscopica. Si formerà la prima classifica parziale, che sarà integrata con le esibizioni della serata successiva. Per la sezione “Nuove proposte” si esibiscono in «sfide dirette» i primi quattro artisti divisi in coppie, giudicati sempre dalla giuria Demoscopica. Il voto determina l’esclusione di due cantanti. 
  • Nella seconda serata si segue lo stesso schema con la giuria demoscopica che voterà gli altri 12 Campioni e sceglierà 2 Nuove proposte sulle 4 in gara. 
  • La terza serata invece è dedicata ai duetti e alle cover di brani che hanno fatto la storia del Festival di Sanremo. La serata inciderà sulla gara, a differenza della passata edizione e voterà l’Orchestra che determinerà una nuova classifica. 
  • La quarta serata sarà dedicata a tutti i 24 Campioni giudicati solo dai giornalisti. Il voto andrà a fare media sulla classifica parziale che precede l’ultima serata. Per le Nuove Proposte si passa dalle semifinali a «sfide dirette», gli artisti in gara saranno dimezzati dal voto in contemporanea della giuria Demoscopica, della sala stampa e del televoto. I due finalisti non si esibiranno dal vivo, ma attraverso la riproposizione di highlights, come specificato nell’ultimo aggiornamento del regolamento. 
  • La finalissima, in programma l’8 febbraio, vedrà esibirsi tutti i 24 Campioni in gara e verranno giudicati da un sistema misto. La prima fase determinerà la classifica finale. I primi tre classificati verranno nuovamente giudicati (le precedenti votazioni verranno azzerate) e le tre giurie si esprimeranno in contemporanea. Vince il Festival chi ottiene la percentuale di voti maggiore.