Thor: Love and Thunder, cosa ci ha rivelato il teaser del film

Cinema

Gabriele Lippi

Le prime immagini del nuovo film Marvel forniscono diversi indizi sul tipo di film che vedremo e su quali saranno i fatti raccontati. E lasciano aperte anche diverse domande. Vediamo quali

I Marvel Studios hanno finalmente rilasciato il teaser di Thor: Love and Thunder, uno dei film più attesi dell’anno dagli appassionati di cinecomic. Il filmato, pur non essendo ancora un trailer ufficiale, mette già tantissima carne al fuoco e fornisce diversi spunti di riflessione e indizi sul tipo di film che andremo a vedere. Eccone alcuni.

I primi 19 secondi

vedi anche

Thor: Love and Thunder, il primo trailer del nuovo film Marvel Studios

L’inizio del teaser trailer sembra volerci raccontare un film che con ogni probabilità non ci sarà. Un film profondo, dalle atmosfere cupe, una riflessione sulla storia di Thor, le sue origini, il suo percorso. Vediamo Thor bambino che corre, diventa ragazzo, quindi adulto. Lo vediamo ancora davanti a un tramonto a interrogarsi sul cammino che lo ha portato da Asgard agli Avengers, per salvare l’Universo da Thanos. Sono 19 secondi esatti, prima che il teaser cambi completamente tono.

I GUNS N’ ROSES

leggi anche

Thor: Love and Thunder, Chris Hemsworth annuncia inizio del Press Tour

Verso la fine della prima parte del teaser, pochi secondi prima che subentri l’animazione col marchio dei Marvel Studios, in sottofondo entrano le note di Sweet Child O’ Mine dei Guns N’ Roses. La colonna sonora del teaser è probabilmente una delle cose più belle, perfettamente a tono con la mitologia norrena in cui Thor affonda le sue radici. Un po’ fuori contesto, invece, con la piega umoristica e parodistica che il teaser assume dopo l’introduzione.

THOR RECUPERA LA FORMA

vedi anche

Thor Love and Thunder, le prime promo art svelano i look

Una delle prime immagini che vediamo è quella di Thor che si allena con delle catene gigantesche per recuperare la forma. Il Thor sovrappeso e trasandato, depresso e impaurito, che avevamo imparato a conoscere in Avengers: Endgame, non può certamente avere spazio nel film di Taika Waititi. E allora eccolo allenarsi per recuperare la forma migliore e tornare il potente Dio del Tuono che è sempre stato.

IL LANCIO DEL MANTELLO

leggi anche

Thor: Love and Thunder, colonna sonora composta da Michael Giacchino

Già nella scena dell’allenamento, si inizia a percepire quello che con ogni probabilità sarà il tono comico del film, peraltro in assoluta continuità con Thor: Ragnarok, terzo capitolo della saga cinematografica dedicata al personaggio e primo diretto da Taika Waititi. Il tono diventa sempre meno serio e sempre più parodistico man mano che si avanza nel teaser, toccando forse il suo apice nel momento in cui Thor lancia il mantello davanti agli occhi di uno sconsolato Peter Quill (sì, il personaggio di Chris Pratt sembra proprio volerci far capire che questo genere di atteggiamenti è troppo pure per lui) rimanendo in borghese. “I want to chose my own path”, dice Thor, voglio scegliere la mia strada. E questa strada pare ormai quella della commedia pura.

LE LOCATION

vedi anche

Thor: Love and Thunder, le prime foto di Christian Bale sul set

Il colpo d’occhio delle scenografie è certamente gradevole. Le location promettono bene, ancora una volta, e l’uso della computer grafica sembra di buon livello. Thor viaggerà ancora tra pianeti e non poteva essere altrimenti, visto la presenza al suo fianco della squadra dei Guardiani della Galassia. Nel frattempo conosceremo una nuova versione di Valchiria, impegnata nei panni della burocrate col suo nuovo ruolo a New Asgard.

LE AFFINITÀ COL FUMETTO

leggi anche

Taika Waititi: “Thor 4 è il film più pazzo che abbia mai fatto"

I fan lo hanno notato subito e il loro entusiasmo è scoppiato. Nel teaser c’è una scena praticamente identica a una memorabile tavola di Thor. Il Dio del tuono, la run di fumetti scritta da Jason Aaron. Si tratta della scena in cui vediamo Thor di spalle accanto a Korg, osservare la gigantesca carcassa di Falligar, dio patrono della frontiera galattica, ucciso da Gorr, il macellatore di dei, interpretato nel film da Christian Bale. Potete vedere qui sotto le affinità tra il fotogramma del film e la tavola disegnata da Esad Ribić per il numero 3 di Thor: God of Thunder.

MJOLNIR NELLA MANI DI JANE FOSTER

leggi anche

Thor: Love and Thunder, Matt Damon conferma la sua presenza

Il teaser non poteva concludersi con uno dei momenti più attesi e chiacchierati del film, quello in cui Natalie Portman (alias Jane Foster), impugna Mjolnir, l’iconico martello di Thor. Mjolnir era stato distrutto da Hela in Thor: Ragnarok, riportato in vita da Thor che in Endgame aveva viaggiato in una versione alternativa del 2013 per poterlo recuperare e usare contro Thanos, sollevato da Captain America nello stesso film e poi riportato indietro da Steve Rogers, in quella stessa linea temporale da cui era stato pescato. Ora vediamo Mjolnir in mano a Jane Foster e facciamo conoscenza anche al cinema col personaggio di The Mighty Thor. E francamente abbiamo più o meno la stessa faccia di Chris Hemsworth nel teaser, mentre ci chiediamo da dove vengano Jane e il martello.

Spettacolo: Per te