Elisabetta Sgarbi porta il liscio a Venezia, per ballare "finché entra la luce dell'alba"

Cinema

Giuseppe Pastore

Presentato nelle Giornate degli Autori il documentario sugli Extraliscio, il gruppo che sta rielaborando e rendendo più moderno il tradizionale genere musicale romagnolo. Con tante partecipazioni straordinarie, da Elio a Jovanotti

A Venezia c'è spazio anche per il liscio: nelle Giornate degli Autori è stato presentato Extraliscio - Punk da balera, documentario di Elisabetta Sgarbi su una delle band più originali e innovative di questo genere musicale il cui spirito è riassunto nel suggestivo sottotitolo del film: "Si ballerà finché entra la luce dell'alba" (LO SPECIALE FESTIVAL DI VENEZIA - I VIDEO).

approfondimento

Venezia 2020: i look dei protagonisti maschili

Gli Extraliscio sono un progetto musicale nato dalla creatività di Mirco Mariani, che si è rivolto a due colonne della tradizione romagnola, Moreno il Biondo (leggendario capo orchestra di Casadei e virtuoso del clarinetto) e Mauro Ferrara, "l'Alain Delon della Romagna", voce inconfondibile di Romagna Mia da generazioni. L'impulso è arrivato da Ermanno Cavazzoni, voce narrante del film nonchè uno dei massimi scrittori e intellettuali romagnoli - ispiratore, tra le altre cose, de La Voce della Luna, l'ultimo film di Federico Fellini - che ha messo in contatto gli Extraliscio con Elisabetta Sgarbi, fondatrice e Direttore Generale della casa editrice La Nave di Teseo, che ha anche alle spalle oltre vent'anni di lavori cinematografici. La qualità e il valore degli Extraliscio sono confermati da una lunga serie di partecipazioni straordinarie che puntellano l'intero documentario, da Jovanotti a Elio, da Biagio Antonacci a Francesco Bianconi e tanti altri ancora.

 

Come nasce l'idea di un film di questo tipo?

Elisabetta Sgarbi - L'idea nasce dall'incontro con il grande Ermanno Cavazzoni. E' stato lui a presentarmi gli Extra-Liscio e a farmi scoprire questa religione nazionale, fondata sulla bellezza di una musica spesso considerata a torto di serie B e che invece deve occupare un posto d'onore. Il liscio viene dalla scuola del valzer viennese e viene poi rielaborato con le sperimentazioni di Mirko Mariani, che contribuisce a stravolgere il senso tradizionale e ad arrivare ai più giovani. Fermo restando che ci interessano molto anche i non giovani...

 

Come tutto il mondo dello spettacolo, anche il liscio ha sofferto duramente i mesi del lockdown. Come avete superato questo momento difficile?

Mirco Mariani - Siamo ripartiti grazie ad Elisabetta e al Festival Internazionale La Milanesiana da lei diretto, dove abbiamo riprovato le stesse sensazioni che avevamo da ragazzini, agli inizi. Sembrava quasi impossibile tornare a suonare e divertirsi davanti alla gente: riprendere a girare per l'Italia è stata una cosa bellissima. L'obiettivo di questo film è portare il liscio non soltanto ai giovani ma, grazie all'aiuto di Elisabetta ed Ermanno Cavazzoni, anche ai "piani alti" della musica tradizionale, nonostante il liscio sia sempre un po' bistrattato... Accanto a me ho due super-eroi della storia del liscio che non "se la tirano" pur essendo due grandi musicisti, con un'esperienza che nessun altro ha in Italia: perciò è stato giusto fare un film, perché oltre a sentirli cantare e suonare possiamo anche sentirli parlare e raccontare quello che hanno vissuto in anni di concerti, serate, balere, gente che esce per divertirsi e stare bene. Elisabetta ha avuto il grande tempismo di riportare su un genere musicale sull'orlo del baratro, in un momento storico molto particolare.

 

Il liscio è uno dei balli più "fisici" della tradizione italiana: come può sopravvivere al Coronavirus?

Moreno il Biondo - Il liscio può essere sintetizzato con l'abbraccio. Nell'abbraccio c'è tutto: la sensazione della musica, delle persone, del contatto con l'altro. E quell'abbraccio bisognerà recuperarlo dopo questa fase che ha avuto l'effetto di farci riavvicinare alle radici del liscio, al folklore contenuto in una terra generosa e accogliente come la Romagna.

 

Le tante partecipazioni straordinarie suggeriscono che le collaborazioni con gli Extraliscio  non si esauriscano a questo film... 

Elisabetta Sgarbi - Esatto, per esempio è appena uscito il videoclip di Sbagliato, con regia di Davide Toffolo e Michele Bernardi, in cui Jovanotti canta con gli Extra-Liscio una canzone, appunto, "sbagliata": gli Extra-Liscio ballano e suonano sott'acqua e Jovanotti è un Nettuno gigantesco che domina le onde del mare.

 

Le altre interviste
Intervista a Lodo Guenzi
Intervista a Diodato
Intervista a Mannarino

Intervista a Elisa Fuksas
Intervista a Sandra Milo

Spettacolo: Per te