La verità, il cast del film

La verità, primo film europeo di Hirokazu Kore-Eda, con Catherine Deneuve e Juliette Binoche

La verità è un film drammatico, il primo europeo diretto dal regista giapponese Hirokazu Kore-Eda, in sala dal 10 ottobre 2019, con protagoniste Catherine Deneuve e Juliette Binoche. Una pellicola particolarmente delicata e con un cast principalmente femminile, che giunge in sala dopo il successo di Un affare in famiglia, che ha ottenuto la Palma d’oro al Festival del Cinema di Cannes.

La verità, il cast

A interpretare il ruolo di Fabienne è Catherine Deneuve, attrice che non necessita presentazioni. Nata a Parigi nel 1943, ha ottenuto numerosi riconoscimenti nella sua lunga carriera, ricevendo una Coppa Volpi per Place Vendome, così come un Orso d’argento, un David di Donatello e due Premi Cèsar. Nel 1992 è invece stata candidata agli Oscar per Indocina. Il suo esordio al cinema è avvenuto nel 1956 con Le collegiali, per poi prendere parte a più di 100 pellicole. Nel corso degli anni ha collaborato con registi del calibro di Roman Polanski, François Truffaut, Mario Monicelli e Lars von Trier.

Lumir ha invece il volto di Juliette Binoche, anche lei nata a Parigi ma nel 1964. Nel corso della sua carriera ha trionfato al Festival di Venezia nel 1993, ottenendo la Coppa Volpi per la sua interpretazione in Tre colori – Film blu. Il paziente inglese invece le consentì di vincere l’Orso d’argento al Festival di Berlino, così come il Premio BAFTA e l’Oscar. Il suo esordio sul grande schermo è datato 1983, con Pascal Kané che la inserì nel cast del suo Liberty belle. Ha recitato in film come L’insostenibile leggerezza dell’essere di Philip Kaufman, così come in Cime tempestose, Il paziente inglese, Chocolat, al fianco di Johnny Depp, Mary di Abel Ferrara, Cosmopolis di David Cronenberg e molti altri.

Spazio inoltre nel cast anche per Ethan Hawke, attore statunitense classe 1970. Il suo esordio è datato 1985, in Explorers di Joe Dante. Tantissimi i film cui ha preso parte da allora, da Zanna Bianca a Prima dell’alba, che lo ha visto protagonista di un’indimenticabile trilogia romantica con Julie Delpy. Indimenticabile la sua prova in Training Day di Antoine Fuqua, al fianco di Denzel Washington. Nel corso degli anni si è cimentato in svariati generi, dal drammatico alla commedia, dal sentimentale alla fantascienza, come nel caso di Predestination. Quattro le nomination agli Oscar, ultima delle quali nel 2015 per l’acclamato Boyhood.

La verità, la trama

La verità pone al centro del proprio racconto la conflittualità di un rapporto madre-figlia. Un film che si concentra sulle difficoltà familiari, come nella tradizione delle pellicole di Hirokazu Kore-Eda. Se la madre Fabienne è una star del cinema ammirata da tutti, la figlia Lumir tenta di affermarsi ormai da anni come sceneggiatrice, soffrendo dell’enorme ombra data dal glorioso successo della madre. Lumir da anni vive in America, al fine di porre una certa distanza tra sé e sua madre. Quest’ultima però pubblica la sua biografia, il che spinge la donna a tornare a Parigi, con suo marito e suo figlio. Il loro ricongiungimento sarà però a dir poco turbolento, riportando a galla vecchi risentimenti e confessioni a lungo taciute.