Ucraina, il video omaggio del regista Matt Evans alla sua terra sulle note di Jamala

Spettacolo

A un mese dallo scoppio della guerra, il regista ucraino ha voluto celebrare la sua terra con un video intenso e commovente sulle note di "1944", brano dell'ucraina Jamala che ha vinto l’Eurovision Song Contest a Stoccolma nel 2016

In uno dei momenti più difficili vissuti dal suo popolo,  il videomaker ucraino Matt Evans (al secolo Gennadii Kravchenko, in Italia dal 2014) celebra la sua terra sconvolta dalla guerra (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI) con il video "We are Ukraine", sulle note di 1944, brano dell'ucraina Jamala che ha vinto l’Eurovision Song Contest a Stoccolma nel 2016, a Y-40 The Deep Joy, la piscina con acqua termale più profonda del mondo di Montegrotto Terme, in provincia di Padova.

UNA VIDEO DI SPERANZA E PACE

approfondimento

Sean Penn in Polonia per aiutare i rifugiati ucraini

Una visione acquatica in cui Evans ha coinvolto connazionali come la 15enne Sophia Beatrice Maporti, ucraina da parte di mamma, il fotografo Alessandro Marcheselli, adottato da genitori italiani, la fotografa Olga Mufel nata a Kharkiv e ormai veneziana. Con loro due professioniste scappate qualche giorno fa dal loro Paese: la make up artist Anastasia Mekheda, arrivata con la figlia, i genitori, due cani e un gatto; la fotografa Margarita Hanhalo, da Kiev, in Italia con la figlia, la madre e il gatto.

"Non ingoiate le nostre anime"

approfondimento

Guerra in Ucraina, 9 film per comprendere le origini del conflitto

La ninna nanna cha apre il video, (che potete vedere in alto su questa pagina) è stata realizzata all'ucraina Tetiana Aleksandrova. Poi le immagini di un libro, lo stemma a tridente, la bandiera gialla e blu, come il grano e l’acqua che tornano nelle immagini, una bambina, un ragazzo e una ragazza, tutti con le vesti tipiche nazionali e l’immancabile coroncina di spighe e fiori. I diversi protagonisti del video si intrecciano e interagiscono tra di loro, in un continuo dialogo tra il passato del Paese ed il mondo moderno, in un presente terribile che fa presagire un futuro di paura. Il tutto mentre Jamala canta: "Quando ti arrivano gli estranei a casa, per portarvi la morte, come puoi spiegare loro che non sei colpevole? L’umanità piange, tutti muoiono, non ingoiate le nostre anime".

Le parole di Matt Evans

approfondimento

Il musicista Karachevtsev suona Bach tra le rovine di Kharkiv. VIDEO

"Non sono solo le mie origini ad avermi spinto alla guida di questo progetto – ha raccontato Evans - ma anche il fatto che la mia famiglia, mia madre, mia sorella, siano ancora a Kherson, in balia degli eventi. Come loro tanti miei amici, che non possono uscire dal Paese e che vivono da un mese in pericolo senza sapere cosa accadrà. Non posso guardare questo truce spettacolo restando dietro le quinte. Avevo bisogno di esprimere tutto quello che è il bello della mia Ucraina mostrandolo al mondo, anche in un momento - conclude - in cui la speranza sembra sospesa in una bolla, come in apnea".

Il testo della canzone "1944" di Jamala

Quando gli stranieri arrivano

vengono nella tua casa

vi uccideranno tutti

e diranno

non siamo colpevoli

non siamo colpevoli

 

dov’è la tua testa?

l’umanità piange

voi pensate di essere dei

ma tutti muoiono

non ingoiare la mia anima

le nostre anime

 

non posso passare la mia giovinezza li

perchè tu mi hai rubato la pace

non potrei spendere la mia giovinezza li

perché tu mi hai rubato la pace

 

potremmo costruire un futuro

dove tutte le persone saranno libere

per vivere e amare

il momento più felice

 

dov’è il tuo cuore

l’umanità si leva

voi pensate di essere dei

ma tutti muoiono

non ingoiare la mia anima

le nostre anime

 

non posso passare la mia giovinezza li

perchè tu mi hai rubato la pace

non potrei spendere la mia giovinezza li

perché tu mi hai rubato la pace

Spettacolo: Per te