Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Gli antenati delle balene erano anfibi dall’aspetto simile alle lontre

I titoli di Sky Tg24 delle 8 del 5/4

2' di lettura

A suggerirlo sono dei fossili scovati nel fondale marino delle coste peruviane, da un team di ricercatori dell’Istituto reale di Scienze Naturali del Belgio 

Le antiche parenti delle balene erano degli anfibi a quattro zampe, in grado di nuotare ma anche di spostarsi sulla terra ferma. 43 milioni di anni fa, nell’Eocene, gli antenati dei cetacei avevano sembianze simili alle lontre. A suggerirlo sono dei fossili scovati nel fondale marino delle coste peruviane, da un team di ricercatori dell’Istituto reale di Scienze Naturali del Belgio.
Le ossa, scoperte nella ‘Spiaggia della Mezzaluna’ in Perù, appartengono a un esemplare viaggiatore, tra le balene che dall’India hanno raggiunto l’oceano Pacifico.

Peregocetus pacificus: la balena viaggiatrice

La storia evolutiva dei cetacei è iniziata 50 milioni di anni fa in India, dove sono comparsi i primi esemplari. Gli animali, spinti dalle correnti, si sono successivamente diffusi anche nelle acque del continente americano. Un’impresa un tempo più semplice, in quanto l’Africa e le Americhe erano separate da una minore distanza rispetto a quella attuale.
I fossili rinvenuti dai paleontologi appartengono a un esemplare, denominato ‘Peregocetus pacificus’, dalla lunghezza di circa 4 metri, dotato di quattro piccole zampette.
“L’analisi delle ossa fossili indica che si trattava di animali anfibi. Erano buoni nuotatori, ma potevano anche camminare sul terreno”, spiega il paleontologo Olivier Lambert, coordinatore dello studio.
La scoperta, pubblicata sulla rivista Current Biology, è “la prima indiscutibile testimonianza in tutto l’Oceano Pacifico di uno scheletro di balena quadrupede. Probabilmente il più vecchio delle Americhe e il più completo al di fuori di India e Pakistan”.

Antartide, droni in missione per spiare le balene in estinzione

In Antartide, un team di scienziati ha ideato un sistema innovativo e rivoluzionario per spiare la vita della balenottera azzurra (Balaenoptera musculus), una particolare specie di cetacei in estinzione. Invece di osservare le loro abitudini cercando di avvicinarsi a bordo di speciali navi di ricerca, gli esperti si sono serviti delle riprese effettuate con dei droni per documentare la vita del più grande animale mai esistito sulla Terra.  

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"