Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

SpaceX: completato test Starhopper, un 'salto' verso Marte

I titoli delle 13 di Sky TG24 del 29/08

2' di lettura

Il prototipo dell’astronave Starship, che dovrà portare persone sulla Luna e Marte, ha raggiunto i 150 metri di altezza prima di tornare a Terra. Su Twitter i complimenti di Elon Musk 

Un salto verso Marte. Così potrebbe essere definito il test superato dalla navetta Starhopper di SpaceX, anche chiamata ‘cavalletta spaziale’ e prototipo di Starship, che secondo i piani di Elon Musk in futuro dovrebbe trasportare persone sulla Luna e sul Pianeta Rosso. Partita dalla piattaforma di lancio nei pressi di Boca Chica, in Texas, il veicolo ha raggiunto in pochi secondi i 150 metri di altezza prima di posarsi nuovamente a terra. Il risultato è stato celebrato proprio da Musk, che ha pubblicato su Twitter le riprese del lancio con tanto di complimenti a Space X per il risultato, giunto dopo i problemi al motore Raptor che avevano fatto posticipare il test.

Il test Starhopper spinge SpaceX verso Marte

Inizialmente previsto per il 26 agosto, il test di Starhopper era stato infatti rinviato per un problema tecnico emerso all’ultimo minuto relativo al motore Raptor, che SpaceX vorrebbe montare anche sull’astronave Starship, in futuro diretta verso Marte. Starhopper rappresenta proprio il prototipo della parte centrale e inferiore di quest’ultima: ecco perché era così importante per l’azienda valutare la stabilità della navetta e la capacità di ritornare a terra facendo affidamento sul proprio motore. Nel giro di nemmeno un minuto, la ‘cavalletta spaziale’ è decollata avvolta in una nube di polvere arrivando a 150 metri d’altezza, un risultato mai raggiunto, per poi ridiscendere al suolo.

SpaceX, i piani di Elon Musk

Il superamento del test di Starhopper ha soddisfatto Elon Musk, che su Twitter ha pubblicato un video del lancio, aggiungendo: “Congratulazioni al team di Space X”. Stando a quanto affermato dall’imprenditore, dovrebbe essersi trattato dell’ultimo test per questo prototipo, che è alimentato da un solo motore Raptor rispetto ai sei che dovrebbero essere presenti nell’astronave Starship, fondamentale insieme al razzo Super Heavy nella missione che porterebbe in futuro alla colonizzazione di Marte. L’attenzione di SpaceX si sposterà ora verso due prototipi più grandi, Starship Mk1 e Mk2, i cui test precederanno i primi voli della vera e propria astronave fissati per il 2021. 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"