Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Elon Musk mostra su Twitter alcuni test sulla navicella Starship

i titoli di sky tg24 delle 18 del 18/03

2' di lettura

Il Ceo dell'agenzia spaziale SpaceX ha diffuso le immagini nelle quali si vede lo scudo termico della navicella esposto a potenti fiamme per testarne la resistenza alle alte temperature

Nemmeno il tempo di festeggiare lo straordinario successo ottenuto con la missione Demo-1 che Elon Musk e la sua SpaceX sono già al lavoro sulla Starship, la navicella pensata per il turismo spaziale. Lo stesso Ceo e fondatore dell’agenzia spaziale ha infatti pubblicato un video sul suo profilo Twitter, nel quale vengono mostrate alcune fasi del test effettuato sullo scudo termico del veicolo spaziale per verificare la sua resistenza alle alte temperature.

Il video

Nelle immagini, si possono osservare alcune delle piastrelle esagonali, di cui è composto lo scudo termico della Starship, esposte a potenti fiamme, che simulano il surriscaldamento che la navicella subirà in fase di rientro sulla Terra. Come Musk scrive nelle varie risposte ai commenti su Twitter, la temperatura più alta raggiunta nel test è di circa 1370 gradi Celsius, registrata nelle zone che nel video appaiono più bianche. Inoltre, aggiunge che lo scudo potrebbe integrare un sistema di raffreddamento traspirante, in modo tale da limitarne l’erosione e permettere al veicolo di essere sempre pronto per un nuovo lancio.

La missione Demo-1

Lo scorso 8 marzo la navicella Crew Dragon è rientrata sulla Terra dopo essere rimasta ancorata per 5 giorni alla Stazione Spaziale Internazionale, concludendo con successo la missione di prova senza equipaggio Demo-1. “Con l'arrivo della Crew Dragon alla Stazione Spaziale comincia una nuova generazione di voli spaziali. Congratulazioni per questo risultato che ci avvicina alla possibilità di far volare astronauti americani su razzi americani”, ha scritto in un tweet Jim Bridenstine, amministratore capo della Nasa. L'agenzia spaziale americana ha ora la concreta possibilità di porre fine alla dipendenza dalla russa Soyuz per il trasporto di uomini nello spazio.
La prossima missione è in programma nel mese di luglio 2019, quando la capsula verrà nuovamente lanciata nello spazio con a bordo due astronauti in carne e ossa: Doug Hurley e Bob Behnken.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"