Eclissi anulare di Sole del 10 giugno: ecco come, dove e a che ora vederla

Scienze
©IPA/Fotogramma

In un’ampia parte del nostro emisfero la luna copre parzialmente il disco solare: un fenomeno in questo caso che è stato visibile, seppur in minima parte, anche in Italia. Visione perfetta solo per alcune regioni di Canada, Groenlandia e Russia

Oggi, 10 giugno, il Sole è protagonista dell'eclissi anulare nella zona dell'Artico. Grande spettacolo in particolare in alcune regioni di Canada, Groenlandia e Russia, con la copertura del disco solare da parte di quello della Luna (a eccezione di un anello) perfettamente visibile (LE FOTO). In Italia, invece, il fenomeno è stato visibile appena per il 5% e bisognerà avere pazienza fino al 2027 per assistere a un'eclissi totale di Sole. (TUTTO SULLE ECLISSI)

Quando e dove vederla in Italia

approfondimento

Le foto dell'ultima Superluna

L'eclissi di giovedì 10 giugno è stata visibile "dall'Italia visibile solo come parziale, di entità davvero modesta", aveva detto l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope Project. Era stato previsto infatti "un oscuramento del Sole intorno allo 0.5% per Siena e valori di poco migliori man mano che ci si sposta più a Nord, fino al 5% in Valle d'Aosta". Da Perugia in giù, invece, il fenomeno è stato invisibile. In particolare, a Milano l’eclissi anulare è stata osservabile dalle 11:35 alle 13:04, mentre a Firenze dalle 11:52 alle 12:49. A Venezia dalle 11:48 alle 13:05.

Cos’è un’eclissi anulare di Sole e quando avverrà di nuovo

approfondimento

L'eclissi anulare del Sole del giugno 2020

L'eclissi di Sole avviene quando il Sole viene occultato dal passaggio della Luna e l'oscuramento che può essere parziale o totale. Questa del 10 giugno avviene nel momento in cui il nostro satellite si trova nei pressi del punto di distanza massima dalla Terra (apogeo). La porzione di cielo (ossia la sua dimensione angolare) che occuperà sarà quindi minore e il disco non potrà coprire per intero il disco solare lasciando scoperto un 'anello di fuoco'. "Per consentire a tutti la visione in sicurezza, l'eclissi è anche trasmessa online dal sito di Virtual Telescope con contributi dai luoghi dove essa si vede completamente. Già il prossimo anno, il 25 ottobre, in Italia si potrà osservare una nuova eclissi di Sole parziale "ma molto 'migliore' di questa, con una copertura del Sole tra il 10 e il 20%", ha precisato Masi. Invece, per un'eclissi totale c'è attendere il 2 agosto 2027: una eclissi visibile come totale a sud di Lampedusa, in mare ma in territorio italiano, ma che comunque avrà una copertura molto ampia anche per il tutto il resto della Penisola.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.