Nasa, registrata la “voce” del rover Perseverance in viaggio per Marte. Sembra una zanzara

Scienze
Nasa

Durante la missione su Marte, i microfoni di Perseverance avranno il compito di raccogliere i suoni emessi durante l’atterraggio. Il suono, testato in questi giorni, è simile al ronzio di una zanzara con sfumature metalliche

Registrata la “voce” di Perseverance, il rover della missione Mars 2020 della Nasa, che al momento è in viaggio verso Marte con l’obiettivo di trovare tracce di vita presente o passata. Somiglia al ronzio di una zanzara con sfumature metalliche. "Captare l'audio di un veicolo spaziale in volo è fantastico, ma il file audio ha un significato ancora più importante, perché significa che il nostro sistema sta funzionando ed è pronto per provare a registrare il suono e la potenzia di un atterraggio su Marte" spiega Dave Gruel, ingegnere capo per il sottosistema videocamera e microfono di Mars 2020.

Vivere l’approdo su Marte col suono

approfondimento

Marte sta per raggiungere la distanza minima dalla Terra

Che è possibile registrare il viaggio verso il pianeta rosso del rovers Perseverance è stato provato durante un controllo in volo del sistema di telecamere e microfoni, destinati a raccogliere i suoni delle fasi di atterraggio nel cratere Jezero di Marte previsto il 18 febbraio 2021, raccogliendo un file audio di 60 secondi. In missione, i microfoni avranno il compito di raccogliere i suoni emessi dai paracadute che si aprono, dai motori che si accendono e dalle ruote del rover che toccano la superficie di Marte con la possibilità di far rivivere tutto questo anche chi seguirà da lontanissimo lo stori evento della Nasa.

Perseverance, il rover della missione Mars 2020 della Nasa
Perseverance, il rover della missione Mars 2020 della Nasa - Nasa

Quale è la “voce” di Perseverance

Il ronzio che si sente nell'audio diffuso dalla Nasa proviene in particolare dalla pompa di reiezione del calore del rover. Posta sul lato posteriore di Perseverance, quest'ultima fa parte del sistema termico del rover, che aiuterà a mantenere le temperature adatte al funzionamento dei componenti del veicolo anche nelle notti invernali più fredde. "Il microfono che abbiamo incluso per ascoltare com'è atterrare su Marte è stato in grado di captare le vibrazioni meccaniche del sistema termico di Perseverance nel vuoto dello spazio" osserva Gruel. Questo vuol dire che il sistema è pronto per registrare anche l'atterraggio, "tuttavia - conclude Gruel - ottenere il suono dall'atterraggio è un piacere, ma non è necessario. Se non accade, non ostacolerà minimamente la missione, ma se anche solo una parte della sequenza di atterraggio fosse catturata in audio, sarebbe fantastico".

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24