È stato captato il primo lampo radio veloce nella Via Lattea

Scienze
©Ansa

Si tratta di onde radio di pochi millesimi di secondo che arrivano da galassie lontane miliardi di anni luce. È anche il più potente mai osservato nella nostra galassia

Arrivano buone notizie dallo spazio. È stato captato il primo lampo radio veloce nella Via Lattea: proviene da una magnetar, cioè una stella di neutroni con un campo magnetico molto intenso. L'evento si chiama Fast radio burst (Frb) e si tratta di un enigmatico segnale radio di brevissima durata. La scoperta è pubblicata in tre articoli sulla rivista Nature e tra i firmatari troviamo anche l'italiano Daniele Michilli, dell'Università canadese McGill.

L’importanza della scoperta

approfondimento

Scoperto nella Via Lattea un pianeta errante simile alla Terra

"Gli Frb sono lampi di onde radio di pochi millesimi di secondo, che generalmente arrivano da galassie lontane miliardi di anni luce. Per vederli da questa distanza – spiega lo stesso Michilli all’Ansa - devono essere estremamente potenti. Però, a causa della distanza, finora non eravamo mai stati in grado di capire che cosa desse origine a questi lampi" aggiunge lo studioso. L'importanza della scoperta del primo lampo radio veloce nella Via Lattea, quindi, deriva proprio dal fatto che dopo anni di ricerca è stata identificata l'origine di almeno una parte di questi fenomeni. "È il primo segnale radio con le caratteristiche di un Frb che osserviamo nella Via Lattea - conferma l'esperto – ed è anche il più potente mai osservato nella nostra galassia".

 

Una conferma delle recenti teorie

Gli astrofisici ritengono che nell'universo siano emessi in media 5 mila lampi radio veloci al giorno. La loro origine però è ancora controversa e per spiegarne l'emissione in passato sono state addirittura chiamate in causa civiltà aliene. Esistono decine di modelli teorici che ne descrivono la formazione, e tutti fanno riferimento a contesti astrofisici estremi e sorgenti ad alta energia. Proprio come le magnetar. "Per questo è importante - conclude Michilli - avere captato per la prima volta un Frb nella nostra galassia e avere visto che è stato generato da una magnetar. Questo significa che almeno alcuni Frb possono essere prodotti da questo tipo di sorgenti, una conferma delle nostre teorie".

 

Come è stato individuato

Il lampo radio veloce, denominato Frb 200428, è stato captato il 28 aprile 2020 dal radiotelescopio canadese Chime (Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment) e da quello americano Stare2 (Survey for Transient Astronomical Radio Emission 2). Il segnale è stato accompagnato anche da una violenta emissione di raggi X e gamma e, grazie anche al monitoraggio del telescopio cinese Fast (Five-hundred meter Aperture Spherical Telescope), è stato associato alla magnetar SGR 1935+2154, all'interno della Via Lattea. Si tratta di un particolare tipo di stella di neutroni, ciò che resta di stelle giganti esplose: oggetti cosmici così densi che un cucchiaino della loro materia sulla Terra peserebbe un miliardo di tonnellate, quasi quanto 170 milioni di elefanti.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24