Infradito ecosostenibili: sviluppato materiale alternativo alla plastica a base di alghe

Scienze

Un team di ricercatori dell'Università della California di San Diego ha realizzato una schiuma poliuretanica composta per il 52% da materiale biologico 

Un team di ricercatori dell'Università della California di San Diego ha sviluppato un materiale alternativo alla plastica a base di alghe, con il quale intende realizzare delle infradito ecosostenibili, che non gravino sulla quantità di rifiuti in plastica che ogni anno inquinano l'ambiente. “Le infradito rappresentano una delle più comuni al mondo e una percentuale preoccupante di rifiuti derivanti dalle infradito raggiunge le discariche, le spiagge e gli oceani. La nostra soluzione è ecosostenibile, biodegradabile e assicura buone prestazioni”, ha spiegato Natasha Gunawan, dell'Università della California di San Diego. 

 

Obiettivo: ottenere la piena riciclabilità del prodotto

 

Nello specifico, gli esperti, grazie alla collaborazione degli scienziati della startup Algenesis Materials, sono riusciti a realizzare una schiuma poliuretanica a base di alghe composta per il 52% da materiale biologico e a trovare un modo sicuro per smaltirla

L’obiettivo dei ricercatori è quello di riuscire ad ottenere la piena riciclabilità del loro prodotto. "La decomposizione dei prodotti che realizzeremo in futuro deve assicurare la sostenibilità dobbiamo affrontare quello che è diventato un disastro ambientale. E dobbiamo farlo scientemente e rapidamente”, ha spiegato Tom Cooke, presidente di Algenesis Materials. 

 

Lo studio nel dettaglio

 

Descritto nel dettaglio sulle pagine della rivista specializzata Bioresource

Technology Reports, il nuovo materiale alternativo alla plastica è stato ottenuto dopo oltre 100 formulazioni. Secondo le stime degli esperti, le infradito a base di alghe potrebbero degradarsi dopo solo 16 settimane. "Abbiamo monitorato il processo di decomposizione misurando le molecole che si disperdevano. Questo ci ha permesso di identificare degli organismi che degradavano le schiume, di cui abbiamo riprodotto gli enzimi per dimostrare che è possibile utilizzarli per depolimerizzare questi prodotti poliuretanici”, ha precisato Stephen Mayfield dell'Università della California di San Diego. "Le nostre schiume sono composte per il 52 percento da materiale biologico, ma il nostro obiettivo è di portare questo valore

al 100 per cento”, ha precisato Michael Burkart, dell'Università della California di

San Diego. 

"Precedenti studi hanno dimostrato che alcuni prodotti come poliesteri, bioplastiche (PLA) e plastica a combustibile fossile (PET) possono biodegradarsi, ma solo nel contesto di laboratorio o con il compostaggio industriale. Abbiamo rielaborato i poliuretani con monomeri a base biologica. In questo modo le scarpe potranno biodegradarsi più facilmente”, ha aggiunto Marissa Tessman di Algenesis Materials.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24