Come curare le articolazioni con la cartilagine di coccodrillo

Foto di archivio (Getty Images)
1' di lettura

I ricercatori della CQ University hanno perfezionato un processo per estrarre dal rettile dei fattori di crescita in grado di curare le lesioni cartilaginee. Questo nuova procedura potrebbe sostituire il trattamento artoscopico e ridurre i tempi di recupero dei pazienti 

Le lacrime del coccodrillo hanno un significato ben preciso nell'immaginario collettivo ma, adesso, la cartilagine degli alligatori può provare a insidiarne la popolarità. Secondo quanto hanno appreso i microbiologi dell'Università del Central Queensland, infatti, questa sarebbe ricca di fattori di crescita, detti proteoglicani, e offrirebbe la chiave per convertire le cellule staminali umane in cartilagine al fine di curare le lesioni alle articolazioni o l'artrite.

I benefici dei proteoglicani

Il dottor Pardraig Strappe e il gruppo di ricercatori della CQ University hanno lavorato per perfezionare un processo che estragga i preziosi fattori di crescita contenuti nella cartilagine dei coccodrilli, rimuovendone però le proteine che innescano una risposta immunitaria negli esseri umani. Dopo aver aggiunto la sostanza estratta dal tessuto connettivo dei rettili alle cellule staminali adulte, tramite l'utilizzo di una stampante 3D, viene realizzata la biostampa di espianti di cartilagine, che potrebbero essere iniettati o impiantati in articolazioni umane danneggiate. Secondo il dott. Strappe, la tecnologia potrebbe sostituire il trattamento artroscopico a cui sono attualmente sottoposti molti pazienti con lesioni cartilaginee. La procedura potrebbe accorciare di molto i tempi di recupero, consentendo ai pazienti di tornare presto a dedicarsi al lavoro o allo sport.

In cima alla classifica

Il progetto prende spunto dallo studio condotto dall'ente nazionale di ricerca Csiro per classificare i livelli di proteoglicani nella cartilagine degli animali. I coccodrilli occupano il primo posto di questa lista. Avendo infatti delle articolazioni di grosse dimensioni, questi rettili sono dotati di molta cartilagine per eseguire i movimenti. Il tessuto connettivo che circonda la cassa toracica è particolarmente ricco di proteoglicani, utili per lubrificare e impartire elasticità e resistenza alla compressione.
Per ottenere la cartilagine, che può essere conservata a lungo una volta congelata, i ricercatori si sono rivolti all'allevamento Koorana di Rockhampton, lo stesso che, oltre a produrre carne per il mercato australiano, fornisce pelle di coccodrillo alle case di moda italiane. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"