Malattie neurodegenerative: nuova tecnica per identificare biomarker precoci

Salute e Benessere
©Ansa

Si tratta della tomografia a contrasto di fase a raggi X. La scoperta è frutto di una ricerca dell’Istituto di nanotecnologia del Consiglio nazionale delle ricerche di Roma

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Buone notizie nella lotta contro le malattie neurodegenerative. Arriva da uno studio internazionale la prospettiva di una nuova tecnica per indagare l’origine e l’evoluzione delle patologie neurodegenerative, come la sclerosi multipla, e individuare possibili biomarker precoci. Si tratta della tomografia a contrasto di fase a raggi X. La scoperta è frutto di una ricerca dell’Istituto di nanotecnologia (Nanotec) del Consiglio nazionale delle ricerche di Roma, condotta in collaborazione con il Dipartimento di neuroscienze dell’Università di Genova e altre istituzioni di ricerca internazionali.
Lo studio è pubblicato sulle pagine della rivista specializzata Communications Physics.

La tecnica

approfondimento

Parkinson, incubi negli anziani un possibile preallarme della malattia

Come spiegato in una nota, questa tecnica è in grado di offrire una risoluzione spaziale e di contrasto molto elevata anche nei tessuti poco assorbenti, come il cervello o il midollo spinale, rivelando strutture "invisibili” ai raggi X. Per dimostrarlo, il team di studiosi è andato in cerca di possibili biomarker precoci della malattia su modelli murini affetti da encefalomielite autoimmune, che riproduce i meccanismi e gli effetti della sclerosi multipla, indagando tramite la tomografia a contrasto di fase a raggi X (XPCT) l’evoluzione temporale del danno tissutale e dell'infiammazione in diversi organi. "La tecnica XPCT ha consentito di identificare e monitorare, a diversi stadi pre-sintomatici della malattia, le alterazioni strutturali e cellulari in differenti distretti anatomici”, ha spiegato  Alessia Cedola, ricercatrice del Cnr-Nanotec e coordinatrice del team di ricerca.

Lo studio nel dettaglio

Nello specifico, nel corso dello studio, i ricercatori, analizzando diversi organi, come cervello, midollo spinale, nervo ottico e intestino, sono riusciti a descrivere l'evoluzione dei danni. “I nostri risultati contribuiscono a gettare luce sullo sviluppo e la progressione della malattia, suggerendo che i primi segnali patologici della malattia siano da rintracciarsi nell’intestino e non nel sistema nervoso, come fino ad ora creduto”, ha sottolineato Francesca Palermo, ricercatrice del team Cnr-Nanotec. “È un risultato importante, di cui andiamo orgogliosi. Il nostro obiettivo è sviluppare questi studi in modo che possano trovare presto applicazione sull’uomo”, ha concluso Giuseppe Gigli, direttore del Cnr-Nanotec.

 

Salute e benessere: Più letti