Covid, Pregliasco: "Picco ancora non raggiunto, rischio alto anche a Natale"

Salute e Benessere
©Ansa

Lo ha dichiarato il virologo Fabrizio Pregliasco, commentando i dati emersi dal monitoraggio settimanale curato dall’Istituto superiore di sanità e dal ministero della Salute. "Siamo probabilmente al plateau di un'onda che continuerà a evidenziarsi", ha aggiunto

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

In Italia nell'ultima settimana risultano in lieve calo l'incidenza dei casi di Covid e l'indice di trasmissibilità Rt, seppur sempre sopra la soglia epidemica dell'unità (1,10).
Ma, nonostante i "segnali positivi", secondo il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano, "la curva non è ancora arrivata al picco". "Siamo probabilmente al plateau di un'onda che continuerà a evidenziarsi", ha riferito in un'intervista all'Adnkronos Salute il docente di Igiene dell'Università Statale di Milano, commentando i dati emersi dal consueto monitoraggio settimanale curato dall’Istituto superiore di sanità e dal ministero della Salute. (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA)

Pregliasco: "Il Covid resterà con noi anche a Natale"

approfondimento

Covid in Italia e nel mondo, le notizie del 9 dicembre

"C'è comunque ancora un rischio alto", ha spiegato Pregliasco, invitando a "non abbassare la guardia", per poi avvertire: "Il virus Sars-CoV-2 resterà con noi anche a Natale insieme ai virus dell'influenza stagionale e delle altre infezioni respiratorie che stanno aumentando".
Sempre in riferimento ai dati emersi dal monitoraggio settimanale, il virologo ha poi spiegato che "sicuramente il dato dell'incidenza è poco affidabile considerando che in molti non notificano il tampone risultato positivo con il test "fai da te" a casa e quindi il numero dei casi è sottostimato".

"Salgono i ricoveri in terapia intensiva"

Dal report di Iss e ministero "vediamo un segnale di stabilizzazione, ma i dati oggettivi, che sono quelli relativi ai ricoveri in terapia intensiva e area medica, indicano ancora una crescita, seppur non elevata", ha puntualizzato il virologo, commentando gli ultimi numeri sul tasso di occupazione negli ospedali italiani da parte di pazienti Covid. "Non siamo a valori importanti, ma tuttora c'è comunque un rischio alto. Manteniamo alta l'attenzione", ha concluso Pregliasco.

Salute e benessere: Più letti