Covid Cina: "La lotta alla pandemia è in nuova fase, comporta nuovi compiti"

Salute e Benessere
©Getty

La vice premier Sun Chunlan, responsabile della lotta al virus, ha dichiarato che gli sforzi contro il Covid-19 "sono in una nuova fase". Un segnale, quello di Pechino, che sembra evidenzia l’interesse a modificare le strategie finora adottate

ascolta articolo

Dopo l’annuncio di un nuovo piano per accelerare le vaccinazioni anti-Covid e aumentare la copertura tra gli anziani, in Cina, in risposta alle proteste che stanno interessando diverse città del Paese, la vice premier Sun Chunlan, responsabile della lotta al virus, ha dichiarato che gli sforzi contro il Covid-19 "sono in una nuova fase". Un segnale, quello di Pechino, che sembra evidenzia l’interesse a modificare le strategie finora adottate. "Man mano che la variante Omicron diventa meno patogena, e più persone sono vaccinate, la nostra esperienza nella prevenzione del Covid-19 si accumula: la nostra lotta alla pandemia è in una nuova fase e comporta nuovi compiti", ha dichiarato Chunlan. Lo ha riferito l’agenzia stampa ufficiale della Repubblica Popolare Cinese, la Xinhua.

Le dichiarazioni di Chunlan

approfondimento

Covid Cina, un nuovo piano per accelerare le vaccinazioni tra anziani

 

Come riportato dalla Xinhua, Chunlan ha incontrato la Commissione sanitaria nazionale ed esperti mercoledì 30 novembre a Pechino, non facendo nessun riferimento allo 'zero-Covid dinamico'. Un’omissione che, tuttavia, sembrerebbe essere il primo riconoscimento ufficiale e pubblico che il virus non è più così grave. E che arriva, inoltre, tra altri cambiamenti, a dimostrazione che il Paese potrebbe finalmente cercare di allontanarsi dalle rigide regole basate su lockdown, test di massa e quarantena. La Cina, nel frattempo, ha registrato un crollo dell'economia, un isolamento internazionale e ha visto crescere la frustrazione delle persone, esauste dopo quasi tre anni di limitazioni dall’arrivo del virus.

Chi è Chunlan

 

Sun Chunlan ha seguito dallo scoppio della pandemia a Wuhan le operazioni di contrasto al Covid-19, guadagnandosi il nomignolo di 'vecchia signora dei lockdown' per via del suo approccio inflessibile nei confronti della pandemia nel Paese. Chunlan, responsabile del portafoglio sanitario, è diventata un riferimento fondamentale per le strategie sanitarie negli ultimi tre anni, tanto che la sua presenza segnava l’imminente arrivo di nuove e dure misure restrittive. L’arrivo delle nuove varianti, tuttavia, più difficili da rilevare e più contagiose, hanno messo in crisi la strategia finora adottata da Pechino. Il tono di Chunlan, che lascerà il governo a marzo 2023, sembrerebbe presagire un ammorbidimento delle misure, ma resta da vedere se le dichiarazioni riusciranno a placare la rabbia e la frustrazione dei manifestanti vista nelle ultime settimane. 

Salute e benessere: Più letti