In Italia oltre 25 milioni di persone in sovrappeso o obese: il report

Salute e Benessere
Pixabay

È uno dei numeri emersi dalla quarta edizione dell'Italian Barometer Obesity Report, riferito all'anno 2021, realizzato da IBDO Foundation

 

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

In Italia sono oltre 25 milioni, tra adulti e bambini, le persone in sovrappeso o obese. Nello specifico, è in eccesso di peso il 46% degli adulti, ovvero oltre 23 milioni, e il 26,3% dei bambini e adolescenti tra i 3 e i 17 anni (2,2 milioni). È il quadro emerso dalla quarta edizione dell'Italian Barometer Obesity Report, riferito all'anno 2021, realizzato da IBDO Foundation in collaborazione con Istat, Coresearch e Bhave e con il contributo non condizionato di Novo Nordisk.

I dati del report

approfondimento

Rapporto Oms Europa, in sovrappeso il 37% dei bambini in Italia

Come rilevato dal report, ciò che desta preoccupazione, oltre ai numeri del fenomeno, è anche il fatto che un larga quota di italiani non riconosca di avere un problema di peso. In particolare, l'11,1% degli adulti con obesità e il 54,6% degli adulti in sovrappeso ritiene di essere normo peso e il 40,3% dei genitori di bimbi in sovrappeso o obesi considera i propri figli sotto-normo peso.
Il documento ha, inoltre, rilevato differenze di genere e territoriali. In particolare, tra gli adulti il 12,9% degli uomini è obeso contro l'11,1% delle donne; mentre tra i bambini e gli adolescenti il 23,2% delle femmine è in eccesso di peso contro il 29,2% dei maschi. Il fenomeno interessa in particolare il Sud e le Isole, dove tra i più giovani rispettivamente il 31,9% e il 26,1% è in sovrappeso rispetto al 18,9% al Nord-Ovest, al 22,1% al Nord-Est e al 22% al Centro. Tra gli adulti, invece, il tasso di obesità varia dal 14% al Sud e 13,6% nelle Isole, al 12,2% del Nord Est, al 10,5% del Nord-Ovest e Centro.

Le conseguenze dell'obesità

Il report sottolinea, inoltre, che sottovalutare le cause e le conseguenze dell'obesità porta a complicanze, quali lo sviluppo di problemi di salute mentale, disturbi cardiaci, diabete di tipo 2, ma anche un maggior rischio di alcuni tumori e problemi a scheletro e articolazioni. "Si stima che questa malattia causi il 58% dei casi di diabete tipo 2, il 21% dei casi di cardiopatia ischemica e fino al 42% di alcuni tumori e porta a circa 57mila morti annuali solo nel nostro Paese", ha riferito Paolo Sbraccia, vicepresidente IBDO Foundation e professore ordinario di Medicina Interna dell'Università di Roma Tor Vergata.

Salute e benessere: Più letti