Le locuste sarebbero in grado di smascherare il cancro: lo studio

Salute e Benessere
©Ansa

Lo afferma un nuovo studio, pubblicato sulla piattaforma BioRxiv, che raccoglie articoli in versione preprint, guidato dall’Università statale del Michigan, Stati Uniti. “Permetterà diagnosi precoce del tumore”

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Le locuste sarebbero in grado di smascherare il cancro. Lo afferma un nuovo studio redatto dall’Università statale del Michigan, negli Stati Uniti, pubblicato sulla piattaforma BioRxiv, archivio online gratuito di articoli in versione preprint, ovvero di articoli in attesa di revisione da parte della comunità scientifica. Le locuste, animali già noti per le notevoli capacità olfattive, riuscirebbero ad individuare le cellule tumorali grazie ai Voc, ovvero i composti organici volatili modificati dalla presenza del cancro. Questi, presenti nell’aria emessa durante la respirazione, e già alterati dal tumore, interferirebbero con i processi metabolici delle singole cellule.

Le fasi della ricerca

approfondimento

Glioblastoma: nuovo approccio per trattare il tumore e le sue recidive

Oltre a “scovare” le cellule malate, le locuste sarebbero in grado di distinguerle. Per arrivare a comprendere come questo rilevamento fosse possibile, i ricercatori, guidati da Alexander Farnum, hanno attaccato al cervello delle locuste degli elettrodi capaci di misurare la risposta degli animali ai campioni di gas provenienti da diverse cellule. Una tecnica che ha permesso di collocare alle diverse sostanze chimiche individuate dagli insetti, dei profili corrispondenti. Un rilevamento che non solo si è dimostrato affidabile, ma anche veloce e sensibile.

Una scoperta che guarda al futuro

“La diagnosi precoce del cancro è fondamentale e dovremmo usare ogni possibile strumento per arrivarci, che sia progettato in laboratorio o fornitoci da milioni di anni di selezione naturale. Se avremo successo, il cancro sarà una malattia curabile”, ha commentato Christopher Contag, tra gli autori dello studio. Obiettivo dei ricercatori, ora, è quello di sfruttare le capacità delle locuste per creare dei ‘sensori del futuro’ capaci di individuare i tumori già nelle fasi iniziali, o il loro stadio dal semplice respiro. Una scoperta che potrebbe aumentare enormemente le possibilità di sopravvivenza di tutti i pazienti affetti da cancro.

Cosa sono le locuste

Le locuste sono un tipo di cavalletta diffusa principalmente in Asia, Africa e nella regione mediterranea. La principale differenza tra cavallette e locuste è la capacità delle seconde di sciamare e spostarsi influenzate dalle temperature. Questi insetti, come ci ricorda quanto succede in Sardegna dal 2019, possono essere molto pericolosi per l’agricoltura in quanto, nel loro sciamare, possono divorare ogni genere di coltivazione, spostandosi in volo da un campo all’altro, oltre che in frutteti e giardini. Distruggendo così tutto quello che trovano sulla strada.

Salute e benessere: Più letti