Covid, Biden ancora positivo. Il medico: "Resta in isolamento"

Salute e Benessere
©Ansa

Lo ha riferito Kevin O'Connor, medico del presidente degli Stati Uniti. Intanto i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) stanno monitorando la diffusione sul territorio americano di una nuova variante del virus, denominata “BA.4.6”, che avrebbe iniziato a comparire da alcune settimane. Nel Paese preoccupano anche i ricoveri, aumentati di 4 volte da aprile

ascolta articolo

Joe Biden è ancora positivo al Covid e continuerà a restare in isolamento. Lo ha spiegato il medico del presidente americano, Kevin O'Connor. Biden, 79 anni, era uscito dall'isolamento mercoledì della scorsa settimana dopo essere risultato positivo al Covid-19 per la prima volta il 21 luglio. Sabato, poi, era risultato positivo nuovamente, in quello che O'Connor ha descritto come un caso di “rimbalzo”, osservato in una piccola percentuale di pazienti che assumono il farmaco antivirale Paxlovid.

Media Usa, arrivata nel Paese una nuova variante: la BA.4.6

approfondimento

Joe Biden di nuovo positivo al Covid: “Non ho sintomi, ma mi isolo"

Intanto i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) stanno monitorando la diffusione sul territorio americano di una nuova variante del Covid-19 che sembra destare qualche preoccupazione: lo hanno sottolineato alcuni media americani. La mutazione è denominata “BA.4.6”, una derivata della BA.4: la nuova sotto-variante, secondo alcune fonti, avrebbe iniziato a comparire da alcune settimane e risulta attualmente in forte crescita, nello specifico in Stati come Iowa, Kansas, Missouri, e Nebraska, dove rappresenta quasi l'11% del totale dei nuovi contagi. La variante “BA.4.6”, secondo gli esperti, sta anche aumentando in maniera evidente negli Stati della costa Est e al Sud e sta crescendo in almeno 43 contee di tutto il Paese. Gli esperti dei Cdc, che definiscono “varianti preoccupanti” tutte quelle mutazioni del virus che mostrano un livello di trasmissibilità particolarmente elevato, una bassa risposta ai trattamenti disponibili e la capacità di sfuggire al sistema immunitario, ad oggi non sono in grado di indicare se la variante “BA.4.6” provochi una malattia più grave.

Cdc, in Usa ricoveri 4 volte più alti che ad aprile

In generale, oltre alla diffusione delle varianti, negli Usa preoccupa anche l’attuale andamento del virus, considerando che da aprile scorso, ovvero solo 4 mesi fa, i ricoveri per contagi da Sars-Cov-2 sono aumentati di un numero pari a 4 volte. Se, infatti, nel mese di aprile le ospedalizzazioni risultavano circa 1.420 al giorno, alla fine di luglio sono arrivate ad un minimo di 6.300 a livello giornaliero. Il dato positivo è quello che riguarda i decessi che non sono saliti e si attestano sui 375 al giorno.

Salute e benessere: Più letti