Fiaso: italiani più longevi e in salute, aspettativa vita a 83,6 anni

Salute e Benessere
©Ansa

Sono alcuni dei dati comunicati in occasione del convegno "Da 30 anni al servizio dei cittadini: il direttore generale nelle aziende sanitarie pubbliche", organizzato dalla Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

In Italia negli ultimi 20 anni è cresciuta di quasi 4 anni l’aspettativa di vita raggiungendo gli 83,6 anni nel 2019, tra le più alte al mondo.
Nello stesso periodo si è dimezzato il tasso di mortalità neonatale. Sono alcuni dei dati comunicati in occasione del convegno "Da 30 anni al servizio dei cittadini: il direttore generale nelle aziende sanitarie pubbliche", organizzato ieri, 5 luglio, al ministero della Salute dalla Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere.

Italia seconda in Europa per aspettativa di vita

approfondimento

Salute mentale, oltre 720mila italiani in cura nel 2020

Come sottolineato nel corso dell'incontro, "il confronto internazionale documenta uno stato di salute della popolazione italiana buono, e una aspettativa di vita tra le più elevate". Nello specifico, "dai 79,9 anni del 2000 l'aspettativa è salita agli 83,6 del 2019, più alta di Germania, Francia, Regno Unito, Svezia e seconda in Europa solo alla Spagna con 83,9 anni". Anche la mortalità neonatale "è scesa da 3,5 per mille del 2000 a 1,9 del 2019, tra le più basse in Europa".

40mila medici e infermieri in meno dal 2010

Risultano, dunque, positivi i principali indicatori relativi alle performance dell’assistenza ospedaliera in Italia. Anche se, a partire dal 2010, il Sistema sanitario nazionale ha dovuto rinunciare a 5mila medici, quasi 11mila infermieri e più di 23mila altri operatori sanitari in meno, per un totale di 40mila dipendenti. In circa 10 anni il personale sanitario ha infatti subito un calo del 5,6%. Una riduzione che, come sottolineato dagli esperti, ha condotto alla situazione di debolezza evidenziata dalla pandemia di Covid-19.
"Nel corso dell'emergenza sono però stati reclutati precari che ora, grazie alla legge sulle stabilizzazioni, possono essere assunti. Già 10 regioni su 20 hanno stipulato accordi per procedere con i contratti a tempo indeterminato", ha spiegato il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore.

Salute e benessere: Più letti