Covid, Agenas: occupazione terapie intensive sale al 3% in 24 ore

Salute e Benessere
©Ansa

Dopo oltre 3 settimane di stabilità cresce di un punto. Il dato è emerso dal monitoraggio diffuso dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali relativo al 27 giugno 2022, ma pubblicato in data odierna

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

Dopo oltre tre settimane di stabilità, la percentuale di posti nelle terapie intensive occupata da pazienti con Covid-19 in Italia è risalita nell'arco di 24 ore di un punto percentuale, tornando al 3%. Si tratta dello stesso valore di esattamente un anno fa, quando però in Italia girava una variante molto meno contagiosa. Resta, invece, stabile al 9%, nell'arco di 24 ore, l'occupazione dei posti letto nei reparti di area "non critica" da parte di pazienti con Covid-19. Sono i principali dati diffusi dall'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas) e relativi al 27 giugno 2022, ma pubblicati in data odierna. (COVID: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

Reparti salgono in 12 Regioni

approfondimento

Covid in Italia e nel mondo, le notizie di oggi 28 giugno

Esaminando nel dettaglio il monitoraggio di Agenas e sempre considerando l’arco delle 24 ore, la percentuale dei posti nei reparti ospedalieri di area medica, o “non critica”, occupata da pazienti positivi al Covid-19 è risultata in crescita in 12 Regioni: Abruzzo (al 9%), Basilicata (14%), Calabria (18%), Campania (10%), Liguria (11%), Marche (8%), Molise (9%), Pa Bolzano (16%), Pa Trento (9%), Sardegna (8%), Sicilia (21%) e Umbria (21%). Lo stesso dato è invece rimasto stabile in Emilia Romagna (10%), Friuli Venezia Giulia (12%), Lazio (9%), Lombardia (7%), Puglia (10%), Piemonte (4%), Toscana (7%), Valle d'Aosta (11%) e Veneto (6%).

 

La situazione nelle terapie intensive  

 

Quanto all'occupazione dei posti nelle terapie intensive, nonostante l'aumento di un punto percentuale in 24 ore, il dato, a livello nazionale e regionale, resta comunque ampiamente sotto il livello d'allerta. Nel dettaglio, in base al monitoraggio giornaliero, l'occupazione è cresciuta in Pa Bolzano (2%) e Piemonte (2%), mentre è scesa in Lazio (6%) e Molise (3%). Il dato è invece rimasto stabile in 15 Regioni o province autonome: Abruzzo (al 2%), Basilicata (1%), Calabria (3%), Campania (4%), Emilia Romagna (3%), Friuli Venezia Giulia (5%), Liguria (2%), Lombardia (1%), Marche (1%), Puglia (2%), Sardegna (3%), Sicilia (3%), Toscana (2%), Umbria (2%) e Veneto (2%). In Pa Trento (0%) e Valle d'Aosta (0%) la variazione non è risultata disponibile.

Salute e benessere: Più letti