Influenza, Iss: “Brusca partenza”. Bimbi tra i più colpiti

Salute e Benessere
©Ansa

Lo riporta il rapporto “InfluNet”, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità. Secondo gli esperti, nella 44esima settimana del 2021 “si osserva un’incidenza pari a 3,5 casi per mille assistiti”. Tra le fasce di popolazione maggiormente colpite, quella dei bambini “al di sotto dei cinque anni di età in cui si osserva un’incidenza pari a 15,8 casi per mille assistiti”

“Brusca partenza della curva delle sindromi simil-influenzali in Italia in cui, nella 44esima settimana del 2021, si osserva un’incidenza pari a 3,5 casi per mille assistiti”. E’ uno dei dati emersi dal rapporto epidemiologico “InfluNet”, coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss). Tra le fasce di popolazione maggiormente colpite, quella dei bambini “al di sotto dei cinque anni di età in cui si osserva un’incidenza pari a 15,8 casi per mille assistiti”, hanno rilevato gli esperti.

Stimati circa 207.000 casi nella settimana 1-7 novembre

approfondimento

Influenza, allarme Ecdc: quest'anno potrebbe avere gravi conseguenze

Il rapporto, relativo come detto alla settimana 1-7 novembre, segnala come siano stimati circa 207.000 casi, per un totale di circa 573.000 casi in tutto a partire dall'inizio della sorveglianza, cominciata ad ottobre. Nella stagione 2019-20, in questa stessa settimana, il livello di incidenza era pari a 1,15 casi per mille assistiti, inferiore a quello osservato nell'attuale stagione. Tra le Regioni che hanno attivato la sorveglianza, l’Iss segnala che Piemonte, Lombardia e Emilia-Romagna “registrano un livello di incidenza delle sindromi simil-influenzali sopra la soglia basale”. Nove Regioni invece, ovvero Val d’Aosta, P.A. di Bolzano, P.A. di Trento, Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna “non hanno ancora attivato la sorveglianza InfluNet”.

I dati per fascia di popolazione

Entrando nel dettaglio del rapporto, gli esperti hanno spiegato che nella fascia di età 0-4 anni l'incidenza è risultata pari a 15,83 casi per mille assistiti, mentre nella fascia di età 5-14 anni pari a 3,79. Quindi, nella fascia 15-64 anni è stata pari a 3,02 mentre tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni pari a 1,64 casi per mille assistiti. Il sistema di sorveglianza Influnet, si legge ancora nel rapporto, comprende i medici e i pediatri sentinella di tutte le regioni italiane, con 770 medici sentinella che hanno già inviato dati circa la frequenza di casi tra i propri assistiti. Nella valutazione della situazione, hanno riferito gli esperti, l'intensità epidemica si definisce bassa quando viene riscontrata una soglia di 9,37 casi su mille, media con 14,37 ed alta con 17,36. Oltre quest'ultimo valore, l'intensità viene definita molto alta.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24