Singapore: dimessa dopo 13 mesi la neonata più piccola del mondo

Salute e Benessere
©Getty

Partorita dopo 25 settimane di gravidanza, pesava appena 212 grammi, più o meno come una mela, per 24 centimetri di lunghezza. Ora è in condizioni di salute migliori, pesa 6,3 chili e può essere affidata alle cure dei genitori

Dopo 13 mesi di cure, la bambina più piccola del mondo alla nascita è stata dimessa da un ospedale di Singapore. Partorita dopo 25 settimane di gravidanza, pesava appena 212 grammi, più o meno come una mela, per 24 centimetri di lunghezza. Ora è in condizioni di salute migliori, pesa 6,3 chili e può essere affidata alle cure dei genitori. La bambina, chiamata Kwek Yu Xuan, era nata con un cesareo d’emergenza quattro mesi prima del previsto dopo che alla madre era stata diagnosticata la preeclampsia, un pericoloso rialzo della pressione sanguigna che può danneggiare gli organi vitali ed essere fatale sia per la donna che per il nascituro. Parlando con i media locali, Wong Mei Ling, la madre di Yu Xuan, ha dichiarato di essere rimasta scioccata dalla nascita della piccola, soprattutto considerando che il suo primo figlio, che ora ha quattro anni, era venuto alla luce in modo normalissimo.

I medici: “La forza di Yu Xuan ispira le persone che la circondano”

approfondimento

Un esame del sangue potrà prevedere quando si entra in travaglio

In un primo momento i medici del National University Hospital (Nuh) di Singapore avevano parlato di una “possibilità di sopravvivenza limitata”, ma oggi ammettono che “contro ogni previsione e nonostante una serie di complicazioni di salute presenti alla nascita, Kwek Yu Xuan ha ispirato le persone attorno a lei con la sua perseveranza e voglia di vivere, il che la rende una straordinaria bambina dell’era Covid-19, un raggio di speranza in mezzo al tumulto”. La bambina soffre tutt’ora di una malattia polmonare cronica e avrà bisogno anche a casa di supporti per respirare. Secondo i medici del Nuh, tuttavia, la patologia dovrebbe migliorare nel corso del tempo. I genitori di Yu Xuan hanno pagato la lunga permanenza in ospedale della figlia tramite una campagna di crowdfunding, che ha permesso loro di raccogliere l’equivalente di 270.601 dollari.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24