Usa, Microsoft: obbligo di vaccino per il rientro in ufficio

Salute e Benessere

Prevista una soluzione alternativa per chi non può vaccinarsi. Il colosso di Redmond ha anche reso noto che i suoi uffici non riapriranno completamente prima del 4 ottobre 2021

Da settembre, tutti i dipendenti di Microsoft dovranno dimostrare di essere vaccinati contro il Covid-19 per entrare negli uffici dell’azienda presenti negli Stati Uniti. Sono previsti dei luoghi di lavoro riservati per chi non può vaccinarsi a causa di problemi di salute o per motivazioni religiose. Il colosso di Redmond ha anche reso noto che i suoi uffici non riapriranno completamente prima del 4 ottobre 2021 (fino a pochi giorni fa si parlava del 7 settembre come del giorno in cui tutti i dipendenti sarebbero tornati a lavorare alle loro scrivanie). Tutti i membri dello staff che devono prendersi cura di persone immunodepresse o hanno dei figli troppo piccoli per vaccinarsi potranno continuare a lavorare da casa fino a gennaio.

La comunicazione di Microsoft ai dipendenti

approfondimento

Covid, Biden: “Vaccinare gli Usa e distribuire il vaccino nel mondo”

Nella nota ai dipendenti, Microsoft ha spiegato di star monitorando con attenzione tutti gli sviluppi della pandemia, dando la massima priorità alla salute e alla sicurezza del personale. La decisione di riaprire del tutto gli uffici a partire dal 4 ottobre è stata presa dopo aver consultato vari esperti. L’azienda ha poi sottolineato che a partire da settembre tutte le persone che entreranno nei suoi uffici (dagli impiegati agli ospiti, passando per i venditori) dovranno dimostrare di essere state vaccinate contro il Covid-19. Tutte queste disposizioni potrebbero cambiare in base all’evoluzione dell’emergenza sanitaria, anche a livello locale. 

 

I casi di Facebook e Google

Oltre a Microsoft, anche altri colossi della tecnologia hanno introdotto delle linee guida stringenti per affrontare l’emergenza Covid-19. Facebook, per esempio, ha chiesto a tutti i suoi dipendenti di indossare le mascherine all’interno degli uffici e ha stabilito che ogni membro dello staff dovrà ricevere il vaccino prima di poter tornare a lavorare in presenza. Il colosso di Menlo Park ritiene di poter riaprire in sicurezza tutti i suoi luoghi di lavoro a ottobre, anche se nelle prossime settimane potrebbe essere costretto a cambiare di nuovo i suoi piani. Anche Google ha deciso di introdurre l’obbligo di vaccinazione per il rientro in ufficio (previsto per il 18 ottobre).

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24