Covid, ecco cosa dicono i primi dati sull'efficacia del vaccino Pfizer dopo 6 mesi

Salute e Benessere
©Ansa

I risultati di uno studio preliminare indicano che sembra mantenersi molta alta la protezione contro le forme gravi di Covid-19; mentre in generale l’efficacia nel prevenire qualsiasi infezione da Covid-19 che causa anche sintomi minori diminuirebbe di circa il 6% ogni due mesi

Pfizer e BioNTech hanno diffuso i risultati di uno studio preliminare senza ancora una revisione sull’efficacia del loro vaccino anti-Covid a sei mesi dalla somministrazione della seconda dose. I dati, pubblicati in preprint su medRxiv e non ancora sottoposti a peer-review, indicano che nei sei mesi presi in considerazione sembra mantenersi molta alta (97%) la protezione contro le forme gravi di Covid-19, confermando l’utilità del vaccino nel prevenire i ricoveri e i decessi dovuti alla malattia. Mentre, nello stesso periodo, in generale, l'efficacia del preparato nel prevenire il contagio sembra passare dal 96% all’84%. Sono i risultati emersi da un test clinico, avviato lo scorso anno e conclusasi nel mese di marzo, condotto su oltre 44mila volontari di sei Paesi. (VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

I dati nel dettaglio

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: news di oggi 29 luglio

Dall'analisi è emerso che l'efficacia del vaccino della casa Usa e della tedesca Biontech nel prevenire qualsiasi infezione da Covid-19 che causa anche sintomi minori è sembrata diminuire di una media del 6% ogni due mesi dopo la somministrazione. Nello specifico, sembra rimanere intorno al 96% nel periodo compreso tra una settimana e due mesi dopo la seconda dose, per poi scendere al 90% tra due e quattro mesi dopo la seconda dose, e all'84% nel periodo compreso tra quattro mesi e sei mesi. Lo studio non ha misurato il tasso di infezioni virali asintomatiche e non fornisce informazioni sulla variante Delta, perché i dati sono riferiti perlopiù a un periodo in cui non era ancora molto diffusa.  

Pfizer: i risultati sulla terza dose

Nella giornata di ieri, Pfizer ha diramato anche i risultati delle sperimentazioni sulla terza dose del suo vaccino originale contro la variante Delta. Dagli studi clinici è emerso che un ulteriore richiamo "rafforza la protezione contro la variante Delta". I dati "mostrano che una terza dose ha effetti neutralizzanti della variante Delta cinque volte maggiori per coloro fra i 18 e i 55 anni dopo la seconda dose, e 11 volte maggiori per coloro fra i 65 e gli 85 anni", ha spiegato Pfizer. Le autorità, ha aggiunto, determineranno "se e a chi raccomandare" una eventuale terza dose.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24