Covid, Crisanti: “Sconcertante vedere nuovo aumento dei casi in estate”

Salute e Benessere

Lo ha detto, nel corso di un’intervista televisiva, il direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’Università di Padova. “Lo scorso anno abbiamo sprecato 6 mesi e rischiamo di sprecarne altri 6 quest'anno. E' sconcertante che dobbiamo assistere per la seconda volta all'aumento dei casi durante l'estate, vuol dire che non abbiamo imparato nulla”, ha spiegato

“Lo scorso anno abbiamo sprecato 6 mesi e rischiamo di sprecarne altri 6 quest'anno. E' sconcertante che dobbiamo assistere per la seconda volta all'aumento dei casi durante l'estate, vuol dire che non abbiamo imparato nulla”. Queste le parole con cui Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’Università di Padova, ha commentato l’attuale situazione legata all’emergenza coronavirus, intervenendo nel corso di Agorà Estate, in onda su Rai Tre.

Green Pass e tracciamento

approfondimento

Green pass esteso e nuovi criteri per colori delle Regioni: le ipotesi

Crisanti poi, si è soffermato anche su un tema molto caldo negli ultimi giorni, quello relativo al Green Pass. Il documento, ha precisato in merito alla misura su cui si sta decidendo in queste ore, “è uno strumento che facilita a mio avviso la vita delle persone e le attività ricreative, ma definirlo uno strumento che blocca la trasmissione direi di no”, ha detto. “Ci vogliono ben altre cose per farlo, cioè un tracciamento degno di questo nome, sviluppare un’app che funzioni, potenziare la capacità di fare tamponi. E poi bisogna capire che la diminuzione della trasmissione è fondamentale per impedire che ci si trovi ad ottobre-novembre con la stessa situazione dello scorso anno”, ha aggiunto ancora nel corso del suo intervento.

I casi in Inghilterra e quello che può succedere in Italia

A proposito di quanto aspettarsi da qui in avanti, sempre in riferimento ai contagi da coronavirus e ad una possibile “quarta ondata”, Crisanti ha sottolineato che “quello che è successo in Inghilterra è un'anticipazione di quello che succederà in Italia”. Secondo l’esperto, infatti, “considerando anche che il tasso di protezione tramite vaccino che abbiamo da noi è inferiore a quello inglese, non ci vuole l'arte divinatoria: quello che succederà in Italia sta scritto nel grafico dell'Inghilterra, che è passata nel giro di 40 giorni da mille casi giornalieri a 50.000. Da 2-3 morti al giorno a 50 morti al giorno, da 500 ricoverati a 2.500”, ha riferito. Entrando poi ulteriormente nel merito. “E’ vero che il tasso di casi gravi è molto diminuito, perché in Inghilterra senza vaccino avremmo tranquillamente 700-800 morti al giorno, ma se non fanno qualcosa avranno 100 morti al giorno, ovvero 40.000 morti all'anno”, ha detto, in conclusione. “Non c'è malattia in questo momento che causi questi numeri”, ha ribadito, sottolineando che chi paragona il Covid attuale all'influenza pronuncia “una fandonia gigantesca, che mostra che abbiamo un tasso di analfabetismo, a livello di sanità pubblica, incredibile: l'influenza fa 7.000 morti all'anno”.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24