Covid, Gelmini a Sky TG24: "In 2 settimane completiamo vaccinazione categorie fragili"

Salute e Benessere

Lo ha dichiarato la ministra degli Affari regionali e le Autonomie, Mariastella Gelmini, a “L’Intervista di Maria Latella” su Sky TG24. "Non vogliamo complicare la vita agli italiani attraverso il Green Pass. Sarà semplice accedervi e consentirà spostamenti più veloci", ha aggiunto

L'incontro del Governo con i sindaci delle isole minori “è stata l'occasione per ribadire il rispetto assoluto delle priorità vaccinali, delle categorie più fragili e degli over 80, ma anche un momento per constatare come tutta la campagna prosegua speditamente, 15 milioni di italiani hanno avuto almeno una dose di vaccino anti-Covid, questo è molto importante. Contiamo nell’arco di due settimane di completare la vaccinazione delle categorie più fragili e quindi di poter correre per mettere in sicurezza il Paese”. Lo ha dichiarato la ministra degli Affari regionali e le Autonomie, Mariastella Gelmini, a “L’Intervista di Maria Latella” su Sky TG24 (L'INTERVISTA INTEGRALE).
Sulle priorità di vaccinazione “il Governo è stato chiaro e ha dato regole ferree che devono valere per tutti. Oggi, nella stragrande maggioranza dei casi, devo dare atto alle Regioni che c’è un rispetto assoluto delle linee di indirizzo del governo. Chi decide di operare diversamente lo fa in maniera arbitraria. È una battaglia che possiamo vincere solo insieme, rispettando le regole e agendo tutti nella stessa direzione. Devo dare atto ai governatori di essere in un clima di assoluta collaborazione con il generale Figliuolo e il dottor Curcio”, ha aggiunto.

Gelmini: niente dosi in frigo, possiamo farle tutte

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: le news del 5 maggio 2021

Commentando l'andamento della campagna vaccinale nazionale anti-Covid, Gelmini ha sottolineano come ci siano stati "casi di incongruenze", seppur "molto limitati". Tuttavia, ha aggiunto, "c’è da parte di tutti la consapevolezza che il rispetto delle categorie da vaccinare è fondamentale per garantire il buon andamento delle vaccinazioni e la sicurezza delle persone. Questa consapevolezza è un punto fermo anche al tavolo della Conferenza Stato-Regioni". "Dopo i primi mesi, che sono stati complicati anche per il fatto che le dosi non arrivavano, oggi non ci sono dosi che rimangono in frigorifero, c'è la capacità di somministrare tutte le dosi che abbiamo a disposizione. Si sta tenendo un occhio di riguardo e attenzione, con task force e sopralluoghi, rispetto a quelle regioni che avvertono qualche criticità, ma nella sostanza siamo ampiamente oltre l'80% di somministrazioni delle dosi consegnate, con punte del 90%”, ha precisato la ministra degli  Affari regionali e le Autonomie.

Gelmini: "Green Pass sarà semplice"

Quanto al Green Pass italiano, che dovrebbe entrare in vigore dalla seconda metà di maggio,  Gelmini ha ricordato che potranno accedervi tre categorie di persone: chi è vaccinato, chi ha fatto la malattia e ha gli anticorpi e chi è stato tamponato nelle 48 ore precedenti.
“Il Governo è alle prese con le semplificazioni, quindi non vogliamo complicare la vita agli italiani attraverso il Green Pass. Sarà semplice dimostrare di appartenere a una delle tre categorie e consentirà spostamenti più veloci", ha aggiunto, per poi ribadire che "il governo ha già preso decisioni che vanno verso una graduale e progressiva riapertura di tutte le attività". "A metà maggio si farà un "check" all’ultimo decreto per consentire la riapertura di attività che ancora non possono operare. Il ristoro più grande è la riapertura”, ha precisato la ministra.

"Timore vaccino? L'unica paura deve essere non vaccinarsi"

Nel corso del suo intervento, Gelmini ha anche invitato la popolazione, e in particolare chi ha timori e ansie legate ai vaccini, ad "avere fiducia nella scienza". "Questi vaccini sono stati soggetti a procedure di controllo molto accurate. C’è stato un principio di trasparenza sempre applicato. Anche laddove ci sono state criticità, nulla è stato nascosto, tutto è avvenuto alla luce del sole. L’unica preoccupazione dev'essere quella di non vaccinarsi”, ha dichiarato.

Salute e benessere: Più letti