Covid, Speranza: “A Natale spostamenti solo se tutte le regioni sono gialle”

Salute e Benessere

“L’indice rt è sceso ma abbiamo ancora numeri imponenti e non possiamo abbassare la guardia. Sarà un Natale diverso e più sobrio, senza spostamenti non essenziali”. Così a Che tempo che fa su Rai 3 il ministro della Salute Roberto Speranza

“Sarà un Natale diverso e più sobrio, in cui dovremo evitare spostamenti che non sono essenziali". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza ieri sera, domenica 22 novembre, a Che tempo che fa su Rai 3. "Dobbiamo tenere alto il livello di prudenza mantenendo la sobrietà e scegliendo ciò che è essenziale”. Per questo motivo Speranza ha annunciato che lo spostamento tra regioni per Natale, "per il modello che utilizziamo, può avvenire solo se tutte le regioni andassero in zona gialla ma in questo momento dobbiamo evitare tutti gli spostamenti che non sono necessari. Dobbiamo pianificare le vacanze con prudenza".

Situazione ancora delicata

approfondimento

Covid, le ipotesi del governo per Natale e Capodanno

“La situazione legata alla diffusione del coronavirus è molto seria, oggi quasi 600 persone hanno perso la vita ed i casi sono ancora tanti” ha proseguito il ministro. “Al contempo però l’indice rt è sceso ed i nostri tecnici pensano possa scendere ulteriormente nei prossimi giorni. Ma sono ancora i primissimi effetti delle misure prese e non sono ancora sufficienti. Abbiamo ancora numeri imponenti e non possiamo abbassare la guardia”. "Sulle terapie intensive il dato di fatto è che c'è una pressione molto forte. Possiamo evitare il lockdown generale perché il Paese si è dotato di più posti letto ma questo non significa che possiamo affrontare una nuova impennata” ha ricordato. La stessa cautela dovrà essere posta nel valutare quale “colore”, ovvero livello rischio, assegnare a una regione. “Dovremo valutare con attenzione i numeri dei prossimi giorni – ha detto Roberto Speranza su Rai 3 -. È comprensibile che un territorio voglia uscire dalla zona rossa ma ci vuole prudenza. Le misure stanno dando i primi risultati ma abbiamo bisogno di discutere con gli scienziati ed i tecnici. Io lavoro con tutti i presidenti di regione senza distinzione politica e dico no alle polemiche. Per me la linea resta quella della massima cautela".

Il ministro della Salute Roberto Speranza
Il ministro della Salute Roberto Speranza - ©Ansa

Sul vaccino

“L'Italia deve provare a raggiungere l'immunità di gregge e quindi una vaccinazione anti covid di massa con la persuasione" ha dichiarato Speranza sul vaccino. "Penso che con una campagna vera possiamo provare a raggiungere l'immunità di gregge senza partire dalla obbligatorietà – ha spiegato il ministro della Salute - ma è una valutazione che faremo nel corso dei mesi. lo valuteremo in corso d'opera".

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.