Covid, il monito dell'Oms: a Natale evitare di riunirsi in famiglia per pranzi o cene

Salute e Benessere

Maria Van Kerkhove, capo tecnico dell'organizzazione, sostiene che "la difficile decisione di non ritrovarsi" con i propri cari durante le feste "è la scommessa più sicura". Sui vaccini interviene il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus: "Con le ultime notizie positive provenienti dalle sperimentazioni, la luce in fondo a questo tunnel lungo e buio sta diventando più splendente"

Per evitare nuovi contagi da coronavirus, in vista del periodo di feste l'Oms sconsiglia di ritrovarsi con i propri cari per pranzi o cene (AGGIORNAMENTI - LE MAPPE - IL BOLLETTINO). Durante il consueto briefing sul Covid-19, Maria Van Kerkhove - capo tecnico dell'organizzazione - spiega infatti che "la difficile decisione di non riunirsi in famiglia per le feste è la scommessa più sicura".

"La luce in fondo al tunnel è più splendente"

leggi anche

Covid, Oms: "L'Europa si attrezzi o arriverà una terza ondata"

Sul tema dei vaccini è intervenuto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. "Con le ultime notizie positive provenienti dalle sperimentazioni, la luce in fondo a questo tunnel lungo e buio sta diventando più splendente. Ora c'è la speranza reale che i vaccini, combinati con altre misure sanitarie testate, aiutino a mettere fine alla pandemia di Covid-19". E aggiunge: "Nessun vaccino nella storia è stato sviluppato così rapidamente. La comunità scientifica ha stabilito un nuovo standard per la creazione dei vaccini".

Il vaccino AstraZeneca

leggi anche

Coronavirus, AstraZeneca: efficacia vaccino 90% con dosaggio ottimale

ll capo ricercatore dell'Oms, Soumya Swaminathan, in una dichiarazione all'agenzia Reuters ha definito "incoraggianti" i risultati del vaccino AstraZeneca, sottolineando che l'agenzia dell'Onu "non vede l'ora di esaminare questi dati come gli altri dati delle ultime settimane". Swaminathan ha aggiunto che l'Oms apprezza "il fatto che AstraZeneca" abbia creato un vaccino "facile da conservare, cosa buona per Paesi e popolazioni in tutto il mondo".

"L'Europa si attrezzi o arriverà una terza ondata"

approfondimento

Coronavirus, 10 Paesi con più casi in 24 ore: 6 europei, Italia terza

Ieri, 22 novembre, l'Oms ha chiesto ai governi europei di attrezzarsi in modo corretto e tempestivo contro l'aumento dei contagi da coronavirus, altrimenti il rischio di una terza ondata della pandemia a inizio 2021 si farà più concreto. In un'intervista ai giornali svizzeri, l'inviato speciale dell'organizzazione David Nabarro ha evidenziato come i Paesi europei non abbiano realizzato le "infrastrutture necessarie" a combattere la pandemia "durante l'estate, dopo aver riportato sotto controllo la prima ondata". Nabarro ha invece lodato la risposta al Covid-19 da parte dei Paesi asiatici (come la Corea del Sud), che a suo giudizio hanno assunto comportamenti corretti.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.